Milano, Berlusconi ai tassisti che protestano contro Uber: “Seguirò la vicenda”

Berlusconi si e' fermato e ha ascoltato alcuni di loro che spiegavano i motivi della protesta. Ha annuito piu' volte e invitato i tassisti a stare tranquilli: “Seguirò il caso da vicino”

Silvio Berlusconi si è fermato a salutare e incoraggiare i tassisti che stanno protestando contro Uber in stazione Centrale a Milano. L’ex Cavaliere stava salendo in auto a pochi passi dal posteggio dei taxi all’esterno dello scalo ferroviario, dove da ieri sono radunate auto bianche. Appena hanno visto Berlusconi, i tassisti lo hanno salutato con calore e gli hanno gridato “Silvio torna tu, sei il migliore”. L’ex premier ha accolto con piacere le frasi di incoraggiamento, ha salutato i tassisti e a sua volta ha mostrato segni di apprezzamento per la loro iniziativa.

Dunque il leader di Forza Italia per alcuni minuti ha parlato con i tassisti milanesi, dopo essere sceso da un treno e prima di salire sulla sua auto con l’autista che lo attendeva davanti alla stazione centrale. I tassisti quando hanno riconosciuto il Cavaliere lo hanno chiamato a gran voce al di la’ delle transenne. Berlusconi si e’ fermato e ha ascoltato alcuni di loro che spiegavano i motivi della protesta. Ha annuito piu’ volte e invitato i tassisti a stare tranquilli, assicurandoli che avrebbe approfondito e seguito la questione. Dal gruppo e’ partito anche qualche fischio e grida di ‘Viva Milan’. Berlusconi e’ quindi salito sulla sua auto e se ne è andato.

NESSUN COMMENTO

Comments