Voto anticipato? Potrebbe essere un errore – di Antonio Gabriele Fucilone

Si continua a parlare di una caduta del governo Letta. Dopo le buone promesse fatte dal governo, vi è lo stallo più totale. Io penso, però, che il voto potrebbe non essere la soluzione dei problemi di questo stallo politico. Infatti, c’è il rischio che da eventuali elezioni possa uscire un risultato simile a quello dell’ultima consultazione elettorale, con un’Italia tripolare ed un Senato che di fatto non avrebbe una maggioranza. Quindi, se si votasse in questo momento, potrebbe esserci la stessa situazione, magari con il centrodestra in vantaggio ma sempre instabile, poiché il Senato non avrebbe la maggioranza. Mai come in questo momento i sondaggi si sono mostrati così inattendibili. A volte, essi danno in leggero vantaggio il centrosinistra e in altre occasioni vedono avanti il centrodestra. Adesso danno il Movimento 5 Stelle in caduta libera. Tuttavia, il voto potrebbe dire il contrario.

Certo, i problemi interni al Partito Democratico e la questione dell’IMU (che va tolta) stanno complicando non poco la situazione del governo Letta. Oltre a ciò, vi è un’esigenza di dovere riformare la giustizia da parte del Popolo della Libertà, a cui il Partito Democratico pone veti. Quindi, il quadro politico è confuso. L’unica cosa che si può fare, a questo punto, è cercare di andare avanti secondo le linee guida proposte dai saggi che erano stati nominati dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, prima delle elezioni presidenziali, e poi (quando sarà fatto il necessario) andare a votare.

Il problema è che l’Italia non si trova in una bella situazione. La disoccupazione giovanile arriva al 38%, la disoccupazione totale arriva al 12%, i carburanti costano di più che nel resto d’Europa, la pressione fiscale supera di fatto il 50% e l’agenzia di rating "Standar & Poor’s" ha declassato il nostro Paese a BBB con outlook negativo. Se si va avanti così, con questo immobilismo, quella del fallimento potrebbe non essere una possibilità tanto remota.