VIDEO | Immigrati, Di Maio: “La soluzione sono i rimpatri, novità in arrivo”

Parla il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Al mio ritorno da New York venerdì avrete delle importanti novità che ci consentiranno di accelerare sui rimpatri”

Di Maio: “Complimenti a Lamorgese, ma la soluzione sono i rimpatri”. “Al mio ritorno da New York venerdì avrete delle importanti novità che ci consentiranno di accelerare sui rimpatri”. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, precisando che riguarderanno quei “tanti immigrati che in Italia sono tra quelle persone che possono essere rimpatriate in Paesi dove ovviamente non si attenta all’integrità della persona e dei suoi diritti”.

Il titolare della Farnesina ha poi sottolineato che l’accordo raggiunto oggi a Malta “fa sì che l’Italia non sia più sola nella gestione dei migranti, ma siamo tutti d’accordo che bisogna intervenire per fermare le partenze e soprattutto lì dove ci sono condizioni stabili alcuni Paesi, e ce ne sono, bisogna avviare o rafforzare gli accordi di rimpatrio. Questi sono i nostri obiettivi sull’immigrazione al centro dei colloqui che avremo in questi giorni”.

Sul caso Regeni: “Ci aspettiamo dall’Egitto una risposta il prima possibile su come intendano punire i colpevoli di quel delitto”. Così Di Maio parlando a New York dopo l’incontro tra il premier Giuseppe Conte ed il presidente egiziano Abdel Fatah al Sisi. “Abbiamo fatto il punto sulle tematiche tra Italia ed Egitto e ovviamente al centro c’è stato il caso Regeni”. Il titolare della Farnesina ha auspicato “un chiaro epilogo della vicenda, con tutta le verità ed i colpevoli puniti”.

A proposito di Libia: non è contemplata dall’Italia “una soluzione al problema della Libia che possa prevedere l’uso della forza”. “Non esiste una soluzione al problema della Libia che possa prevedere l’uso della forza”, ha indicato Di Maio.

“L’ho detto più volte e lo continuo a dire: l’Italia considera come unica soluzione al problema dell’instabilità libica e dei conflitti in Libia la soluzione politica-diplomatica. Abbiamo un percorso e gli incontri di questi giorni saranno molto importanti…”.