Un commissario Ue per la diaspora? Sottosegretario Merlo, “incontri come quello di Bucarest devono continuare”

Il Sottosegretario agli Esteri Sen. Ricardo Merlo: “Servono anche per motivare altri paesi ad avere nel governo un ministero o un ministro con delega per la diaspora”

Il ministro dei Romeni all'estero Intotero e il Sottosegretario Merlo

E’ necessario preservare l’identita’ nazionale romena attraverso lo studio della lingua materna ed organizzare eventi culturali comuni, promuovendo i valori europei. In ugual misura, e’ molto importante appoggiare i mass-media in lingua materna. Lo ha dichiarato il ministro per i Romeni all’estero, Natalia Elena Intotero, attraverso la radio pubblica nazionale, al termine della riunione informale sulle politiche per la diaspora, organizzata a Bucarest dal ministero per i Romeni all’estero, in partenariato con il ministero degli Affari esteri, nell’ambito del semestre di presidenza del Consiglio dell’Ue.

Tra le altre cose, Intotero ha auspicato che l’iniziativa dedicata alle diaspore venga replicata in numerosi altri stati dell’Unione europea. Il ministro si e’ detto contento della presenza del sottosegretario agli Esteri, Ricardo Merlo, che ha rappresentato l’Italia alla riunione di Bucarest.

Intotero ha sottolineato l’ottima collaborazione con le autorita’ italiane e ha fatto riferimento ai progetti concreti si delineano nel successivo periodo sotto il profilo della collaborazione economica e culturale con le diaspore.

“Questo tipo di incontro deve continuare per cercare di motivare altri paesi ad avere nel governo un ministero o un ministro con delega per la diaspora“, ha dichiarato il sottosegretario Merlo, esprimendo apprezzamenti per la riunione di Bucarest, nel corso della quale è stata ipotizzata anche l’idea di un commissario Ue per la diaspora.