SI CHIAMA CAJ MALI | Ecco l’app che aiuta a richiedere la cittadinanza italiana

Messo a punto da Ermir Lushnjari, cittadino italiano di origine albanese, questo strumento aiuta a seguire e comprendere l'iter burocratico della richiesta di cittadinanza italiana

Seguire l’iter utile a richiedere la cittadinanza italiana può non essere così facile. Lo sa bene Ermir Lushnjari, praticante avvocato 35enne di origine albanese residente da vent’anni in Italia, che ha dovuto faticare non poco per ottenere la sua cittadinanza italiana.

Proprio dopo avere vissuto l’esperienza direttamente, ha pensato di creare qualcosa per facilitare le cose a coloro che si dovessero trovare nella sua stessa situazione. Ed è nata così l’app Caj Mali: “Caj Mali, in albanese, è un particolare tipo di thè di montagna, facile da preparare e con efficaci proprietà curative – spiega Ermir – ho scelto questo nome per l’app come segno di buon auspicio nei confronti di tutti coloro che vogliono diventare italiani”.

“I tempi della pubblica amministrazione italiana sono infinitamente lunghi. Per questo ho pensato ad un sistema semplice, gratuito e di facile usabilità di tipo giuridico-informativo che sia in grado di assistere il richiedente lungo tutto l’iter burocratico“.

LEGGI ANCHE CITTADINANZA ITALIANA AUTOMATICA, COME SI OTTIENE

L’app è facilmente scaricabile sul proprio smartphone o tablet attraverso Google Play Store ed è disponibile anche su IOS. Si tratta, a nostra modo di vedere, di uno strumento molto utile al richiedente per capire e tenere sotto controllo tutti i passaggi che riguardano la propria pratica.

COME SI USA

E’ davvero semplicissimo usare l’app di Ermir, che è solo in lingua italiana. Si accede subito a 4 funzioni: controllo istanza; sollecito pratica; assistenza giuridico – burocratica; informativa sulla richiesta di cittadinanza.

“A breve – ha spiegato Ermir in una recente intervista – implementerò il software con altre tre funzioni che aiuteranno l’utente a capire meglio la normativa anche sotto forma di quiz interattivo. Entro novembre l’app dovrebbe essere aggiornata con questi nuovi strumenti”.

L’applicazione per mobile conta già oltre 10mila utenti da tutto il mondo: “Sono tanti i casi in cui chi lo straniero che si trova all’Estero è sposato con un/a italiano/a e vuole richiedere la cittadinanza”, spiega il 35enne.