Salvini punta al Centro Sud, le reazioni – di Laura Neri

??????????????

La politica corre sempre più sui social e proprio dal social che cinguetta arrivano le prime reazioni dopo la presentazione da parte di Matteo Salvini del nuovo soggetto politico con cui la Lega ha l’ambizione di conquistare il Centro e il Sud.

Giovanni Toti, consigliere politico di Forza Italia, su Twitter: “Tranquillo Salvini, stiamo all’opposizione contro #Governo di tasse di #Renzi. Costruiamo alternativa #centrodestra insieme per il Paese".

Matteo Orfini, presidente Pd, accusa la Lega che – a suo dire – fa incetta di ‘riciclati’. E allora consiglia a Salvini, su Twitter, di usare il simbolo delle tre frecce per il riciclo dei rifiuti. "Caro Salvini, visti quelli con cui hai presentato il nuovo simbolo te ne suggerisco uno più adatto (è anche verde)”.

Su Twitter il capogruppo di Sel a Montecitorio, Arturo Scotto: “Per Salvini lo sbarco al Sud è una scommessa sui micronotabilati e la destra neofascista. Passerà di moda come l’Udeur di Mastella".

NOI CON SALVINI: FOTO E VIDEO

Matteo Renzi, intervenuto a Radio 105, rispondendo alle critiche che gli ha mosso Matteo Salvini: “Salvini a Bruxelles ci sta da quindici anni, fa l’europarlamentare da tre legislature, se voleva cambiare qualcosa poteva farlo: perchè non l’ha fatto?".

MELONI, “SALVINI FA SUL SERIO?” "Oggi Matteo Salvini ha presentato il suo nuovo movimento. Chiediamo ancora una volta al segretario della Lega Nord se intende fare sul serio oppure no: se si tratta cioe’ di un partito colonia del Sud, costruito solo per drenare voti ed eleggere al Nord parlamentari antimeridionali, oppure se ci troviamo di fronte ad un’evoluzione positiva che sancisce la fine dell’errore secessionista ed il primo passo verso un innovativo Polo delle identita’, della produzione e della sovranità". Lo dice il presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Giorgia Meloni. "Perché – aggiunge – nel primo caso, siamo davanti all’ennesimo saccheggio della politica ai danni del Mezzogiorno d’Italia e saremo suoi oppositori per difendere gli interessi del Sud. Se invece, come auspichiamo, l’operazione è genuina, siamo disponibili ad immaginare un futuro insieme e pronti a dare il nostro contributo".