Roma scoppia di immigrati, ‘Marino vai a casa!’

L’invasione di immigrati provenienti dal Nord Africa continua. Complice le buone condizioni meteo, ogni giorno centinaia di clandestini sbarcano sulle nostre coste. Questa mattina, solo nel porto di Reggio Calabria, sono arrivati 328 immigrati, 38 dei quali erano minori. Tre gruppi di cento extracomunitari saranno trasferiti rispettivamente in Lombardia, Piemonte e Veneto, gli altri 28 resteranno a Reggio Calabria.

La situazione è davvero al collasso. Beppe Grillo sul suo blog picchia duro e punta il dito contro il ministro dell’Interno Angelino Alfano: "I prefetti – scrive il leader M5S – rispondono al ministro degli Interni. Sono usati in questi giorni come scudo da Alfano per la sua incapacità di gestire l’emergenza extracomunitari".

Il Movimento 5 Stelle si fa sentire anche a Roma, dove la situazione immigrati è una vera e propria emergenza. In una nota targata M5S si legge: “La città di Roma è nel completo caos. Gli accampamenti alla stazione Tiburtina e i fatti di Casale San Nicola lo dimostrano. E Marino cosa fa? Viene in audizione alla Camera blaterando del più e del meno senza offrire alcuna soluzione all’emergenza. Il perché è molto semplice: Marino la soluzione non ce l’ha mai avuta e negli ultimi mesi ha passato il tempo a districarsi dalle accuse di corruzione che pendevano sui suoi assessori coinvolti nell’inchiesta Mafia Capitale”. Il Movimento invita Marino “a rassegnare le dimissioni, prima che la città cada vittima di pericolose guerriglie urbane”.