Potere di autentica delle firme ai consoli onorari, l’interrogazione MAIE alla Camera

Depositata alla Camera dei Deputati, nella seduta del giorno 8 giugno, l’interrogazione MAIE, a firma degli onorevoli Ricardo Merlo e Mario Borghese, riguardante la possibilità di concedere ai consoli onorari il potere di autenticare le firme, risparmiando così tanto tempo agli italiani residenti all’estero. Di seguito il testo dell’interrogazione. 

L’INTERROGAZIONE

Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, al Ministro dell’interno, per sapere:

– premesso che: l’articolo 21 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, sull’autenticazione delle sottoscrizioni, stabilisce: a) l’autenticità della sottoscrizione di qualsiasi istanza o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da produrre agli organi della pubblica amministrazione, nonché ai gestori di servizi pubblici è garantita con le modalità di cui all’articolo 38, comma 2 e comma 3; b) se l’istanza o la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà è presentata a soggetti diversi da quelli indicati al comma 1 o a questi ultimi al fine della riscossione da parte di terzi di benefici economici, l’autenticazione redatta da un notaio, cancelliere, segretario comunale, dal dipendente addetto a ricevere la documentazione o altro dipendente incaricato dal sindaco;

In tale ultimo caso, l’autenticazione è redatta di seguito alla sottoscrizione e il pubblico ufficiale, che autentica, attesta che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza, previo accertamento dell’identità del dichiarante, indicando le modalità di identificazione, la data ed il luogo di autenticazione, il proprio nome, cognome e la qualifica rivestita, nonché apponendo la propria firma e il timbro dell’ufficio -:

si chiede di sapere se se i Ministri interrogati ritengano doveroso impegnarsi affinché si rendano effettivi i diritti costituzionali dei cittadini italiani residenti all’estero, facendo in modo da concedere, attraverso un’iniziativa normativa urgente in tal senso, il potere di autentica delle firme ai consoli e ai vice consoli onorari, previo incarico del console generale di riferimento ai sensi dell’articolo 21 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445.