Ora Bruno Vespa chieda scusa a Merlo (MAIE) – di Gian Luigi Ferretti

On. Ricardo Merlo, fondatore e presidente del MAIE

Alla vigilia delle elezioni europee accompagnai, con Ricky Filosa e Antonella Rega, l’On. Ricardo Merlo, presidente del MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero, a “Porta a Porta”, dove era stato invitato per par condicio. Ad un certo momento Merlo indicò l’introduzione di una moneta parallela o seconda moneta o quasi moneta (gli economisti usano diverse denominazioni), come una delle possibili soluzioni per uscire dallo stallo delle economie di paesi quali Grecia e Italia.

Bruno Vespa lo guardò come se avesse detto di essere stato rapito dagli alieni da piccolo. Gli scappò persino una smorfia di disgusto prima di ignorarlo platealmente per rivolgersi allo scienziato dell’economia Bruno Tabacci, che stava ancora ridacchiando di quelle che anch’egli evidentemente considerava le strampalate fantasie di uno che veniva dall’altra parte del mondo.

QUANDO IL MAIE PROPONEVA LA SECONDA MONETA E TABACCI IRRIDEVA: GUARDA IL VIDEO

Chissà come si sentono in questi giorni i due provincialotti nel leggere che la Banca Centrale Europea “ha analizzato uno scenario in cui la Grecia finisce i soldi e comincia a pagare i dipendenti con una seconda moneta virtuale all’interno del blocco dell’euro”.

Certo non pretendevamo che conoscessero, neppure per sentito dire, le più avanzate teorie economiche come quella della quasi moneta di  PierGiorgio Gawronski, uno che ha lavorato all’ufficio studi della BNL, all’OCSE, all’UNCTAD e alla “policy unit” della Presidenza del Consiglio. Né era pensabile che sapessero che in altre parti del mondo questa teoria era stata messa in pratica con successo, come ad esempio nel Colorado dove sono stati ufficialmente lanciati da tempo i COjacks. Ma almeno ora, di fronte alle dichiarazioni della BCE, cominceranno a capire che esistono cose che vanno più in là della punta del loro naso?

In particolare Vespa-so-tutto-io farebbe bene a chiedere scusa a Ricardo Merlo, uno che ha imparato e poi insegnato economia politica nelle migliori università.