Italiani all’estero, Veronica Vecchioni candidata MdL al parlamento italiano

“Sono immensamente lieta di annunciare la mia candidatura nelle fila del Movimento delle Libertà e a fianco del suo Presidente, l’On. Massimo Romagnoli”

Sono ormai tre mesi che l’On. Massimo Romagnoli ha iniziato il suo Tour in Europa viaggiando tra Germania, Belgio, Svizzera e da ultimo in Francia. Nonostante l’emergenza sanitaria Covid-19, il Presidente del Movimento delle Libertà ha voluto fortemente continuare il suo tour ed i suoi spostamenti al fine di incontrare le varie comunità di italiani presenti nei Paesi anzidetti, ed ascoltare le loro problematiche, le loro aspettative, le loro istanze.

Nel suo ultimo viaggio prenatalizio, in Francia, l’On. Romagnoli ha radicato la presenza del Movimento sul territorio transalpino e con grande entusiasmo ha presentato la candidatura al Parlamento Italiano dell’avv. Veronica Vecchioni, importante riferimento degli italiani residenti a Nizza e in tutta la Costa Azzurra.

L’Avv. Vecchioni ha commentato nel seguente modo l’importante incontro avuto con il Presidente Romagnoli e la sua candidatura: “Sono immensamente lieta di annunciare la mia candidatura nelle fila del Movimento delle Libertà e a fianco del suo Presidente, l’On. Massimo Romagnoli. Tale scelta che intende rappresentare e dare voce agli italiani residenti in Francia, è in linea e persegue quelle che sono da sempre state le mie scelte di vita e del mio impegno nel sostenere tutti coloro che, in situazione di difficoltà, hanno fatto appello alla mia figura professionale per la tutela dei loro diritti”.

“La professione forense, che svolgo in Francia da oltre vent’anni, con lealtà, dignità e probità, mi ha spinto a far fronte alle problematiche di tutti i nostri connazionali che, in terra straniera, hanno cercato un “porto sicuro ed un approdo” sul quale basarsi, sul quale fare affidamento. Le mie origini italo-francesi, nonché i trascorsi diplomatici della mia famiglia, hanno certamente favorito tale mia scelta, la presa di posizione quale baluardo della tutela e della giustizia per i più deboli, tanto sul territorio transalpino, quanto sul piano più strettamente europeo”.

“All’età di 21 anni ho avuto l’opportunità di lavorare presso l’unità italiana della “Corte Europea dei Diritti dell’Uomo”, epicentro giurisdizionale della tutela dei diritti fondamentali delle persone. Tale esperienza mi ha consentito di concretizzare e definire ancor più distintamente la mia missione all’interno di questa nostra Europa, permettendomi di acquisire un punto di vista comunitario e internazionale nella trattazione delle problematiche sottoposte quotidianamente al vaglio della Corte Europea e alla mia osservazione. Ciò ha inevitabilmente avuto un fondamentale impatto sulla mia carriera professionale conducendomi, dopo il superamento dell’esame di abilitazione alla professione di avvocato a Strasburgo, alla creazione di uno studio legale internazionale all’avanguardia, situato nella storica città di Nizza, emblema dell’eterogeneità italo-francese. Uno studio professionale prettamente orientato alla tutela dei diritti dei cittadini e degli imprenditori europei, ma soprattutto volto al sostegno degli italiani presenti in Francia”.

“Forte della mia provata esperienza forense e del mio ruolo di relatore per il “Centre Européen d’Excellence, Jean Monet”, nonché alla luce della mia sensibilità per le questioni ambientali, ho accettato l’incarico per l’insegnamento, presso la Facoltà di Diritto di Nizza “Sophia Antipolis”, per il Master universitario in “Diritto Europeo degli Affari nell’ambito della Regolamentazione Europea e del Diritto Ambientale”.

“La trasmissione del sapere alle generazioni future nonché la responsabilizzazione dei nostri giovani costituisce, a mio avviso, lo strumento più forte che la società possiede per avviare un reale cambiamento. Il Movimento delle Libertà, grazie alla sua vocazione prettamente europeista ed internazionale, portatore di valori sociali e culturali fondamentali, quali la dignità della persona, l’uguaglianza, la giustizia, la legalità, la libertà e la solidarietà, costituisce la scelta giusta per assicurare la rappresentanza del popolo italiano presso le Istituzioni Europee. Quest’oggi, profondamente consapevole della voglia di scoperta e del simultaneo senso di amarezza con cui tanti italiani lasciano la propria terra natia, ho scelto di spiegare tutte le mie forze al servizio di tutti i cittadini italiani, uomini e donne residenti all’estero, per i quali spero di diventare sempre più un punto riferimento e nel contempo essere portavoce dei valori comunitari in seno al Parlamento Italiano”.