Italiani all’estero, Schiavone (CGIE): “Accelerare sulle riforme della rappresentanza”

"Negli ultimi sette mesi ci siamo resi conto di quanto è necessario e urgente l'appuntamento con le riforme. Sarebbe opportuno ripensare la rappresentanza guardano al futuro”

Michele Schiavone, Segretario Generale CGIE

Michele Schiavone, Segretario generale del CGIE, aprendo i lavori della riunione dell’Assemblea Plenaria del Consiglio Generale degli Italiani all’estero, ha detto: “Oggi discutiamo di un tema di forte attualita’ che è stato sottolineato anche dal premier Conte in occasione della presentazione del Rapporto Italiani nel mondo delle Fondazione Migrantes: la presenza degli italiani all’estero”.

“Siamo nel mezzo di un cambio d’epoca – ha sottolineato – Anche noi siamo chiamati a fare il nostro meglio per i 6 milioni di italiani all’estero e per gli italo discendenti. La composizione delle comunità italiana all’estero in questi anni è cambiata molto: gli italiani hanno creato realtà diverse in diversi paesi del mondo che richiedono oggi assistenza specifica e hanno esigenze specifiche”.

Il tema della riunione monotematica è ‘La rappresentanza italiana al giro di boa: è giunto il tempo delle riforme’. “La riunione di oggi – sottolinea Schiavone – ci porta a riflettere sulla necessità di una accelerazione sul piano delle riforme sulla rappresentanza e sulla necessità di nuove norme per tenere insieme la comunità italiana”.

“Negli ultimi sette mesi ci siamo resi conto di quanto è necessario e urgente l’appuntamento con le riforme. Sarebbe opportuno ripensare la rappresentanza guardano al futuro e pensando all’utilizzo delle nuove tecnologie che favoriscono la partecipazione e che arricchiscono la rappresentanza”.