Italiani all’estero, Picchi (Fi): chiusura consolati inaccettabile, Pd agisca

"La proposta avanzata dal Governo Letta di chiudere 33 sedi estere tra consolati, ambasciate ed istituti di cultura è irricevibile e va contrastata in ogni sede. L’Italia è un paese che può tornare a crescere solo grazie alla sua proiezione internazionale, chiudere il 10% delle nostre sedi estere è una rinuncia de facto ad aumentare l’export e la nostra penetrazione in nuovi mercati”. Così Guglielmo Picchi, capogruppo di Forza Italia in commissione Esteri alla Camera dei Deputati, annuncia la presentazione di una risoluzione in commissione Affari Esteri per contrastare l’annunciata chiusura di 33 sedi all’estero.

“Presenteremo una risoluzione in commissione che chiede al Governo di reperire fondi per non chiudere le nostre sedi estere. Non si tratta solo di penalizzare 4,5 milioni di cittadini italiani residenti all’estero, ma anche di pregiudicare il sostegno alle imprese e la nostra proiezione politico e culturale. Spero che i colleghi eletti all’estero del PD reagiscano e sottoscrivano la nostra risoluzione per scongiurare queste chiusure. Non ci sono alibi – conclude Picchi, l’unico azzurro eletto oltre confine -, chi non sottoscrive è contro gli italiani all’estero”.