Italiani all’estero, Comites Tunisi: due liste in corsa, ‘votate!’

Silvia Finzi, direttore del Corriere di Tunisi, nel suo editoriale pubblicato sull’ultimo numero della rivista, parla anche delle elezioni che riguardano il Comites locale: “la collettività italiana si accinge a votare i suoi rappresentanti. Complesse sono le modalità di voto poichè per poter esercitare questo diritto occorre iscriversi riempiendo il modulo”, “al quale dovete allegare una fotocopia di un documento valido (non la vostra carta di soggiorno)”. Questi due documenti dovranno essere consegnati a mano presso il consolato di riferimento, oppure inviati “per fax o per via telematica cliccando sul sito dell’ambasciata d’Italia Tunisi dove troverete tutte le informazioni in merito”.

“Vota quindi solo chi ha consegnato all’ambasciata d’Italia modulo compilato e fotocopia di un documento. Invito quindi tutti i nostri lettori ad iscriversi per poter votare ed esercitare questo loro diritto fondamentale. Chi si sarà iscritto – il limite massimo per l’iscrizione è il 19 Novembre – riceverà a casa la busta per votare a fine novembre, inizio dicembre. In questa busta saranno indicate le liste che si presentano alle elezioni. Si puo’ scegliere una lista sola e della lista scelta si possono scegliere 4 nomi indicati con una crocetta. Nella busta troverete una seconda busta già affrancata nella quale metterete la lista da voi scelta con le vostre preferenze e semplicemente la spedirete per posta. Attenzione, fatelo rapidamente poichè il vostro voto deve arrivare in Ambasciata al massimo il 19 dicembre e sappiamo che con i disguidi postali spesso si rischia di ricevere le lettere oltre il limite consentito dalla legge”.

“Inizialmente si erano presentate per concorrere al Com.It.Es tre liste, ma solo due hanno potuto ottenere il numero necessario di sottoscrittori necessario per presentarsi alle elezioni, la lista ‘Democratici Italiani in Tunisia’ e la lista ‘Italiani Sempre’. Partecipate poichè la vostra partecipazione garantisce l’espressione democratica della collettività!”.

Silvia Finzi “augura ai candidati delle due liste, che esprimono diverse sensibilità della collettività, di ottenere consensi e al di là della campagna elettorale, che li vede, com’è normale che sia, antagonisti, di poter operare un domani insieme per la collettività tutta!”.