ItaliaChiamaItalia a colloquio con Francesco Ercolani, fondatore del primo Coro Italiano Ufficiale in Spagna

“Il Coro non é solo un progetto musicale, ma anche e soprattutto un vero e proprio momento di aggregazione per tutti coloro che non vivono piú in Italia ma risiedono in Spagna”

“Il progetto del Coro Italiano Ufficiale in Spagna che ho presentato a Dicembre 2018, personale, privato ed al momento autofinanziato, ha incontrato nei Comites di Madrid e Barcellona, che sentitamente ringrazio, l’iniziale appoggio istituzionale necessario per poter finalmente prendere il via e divenire realtà”. A parlare è Francesco Ercolani, Fondatore e Direttore Artistico e Musicale del primo Coro Italiano Ufficiale in Spagna.

Raggiunto telefonicamente da Italiachiamaitalia.it, Ercolani spiega: “L’idea primogenita del Coro Italiano Ufficiale in Spagna l’avevo già avuta e cercato di mettere in pratica negli anni 2008/2009 a Madrid, ma evidentemente i tempi ancora non erano maturi. Una volta realizzate le audizioni iniziali il progetto non ebbe continuità per varie ragioni. Da alcuni anni a questa parte invece non solo sono aumentati di molto gli italiani e le persone che parlano italiano che risiedono in Spagna, ma anche le condizioni per poter far crescere il coro sono divenute più favorevoli”.

“Il Coro non é solo un progetto musicale, ma anche e soprattutto un vero e proprio momento di aggregazione per tutti coloro che non vivono piú in Italia ma risiedono in Spagna. Le due sedi di Madrid e Barcellona, e prossimamente anche Valencia, sono i “contenitori” perfetti della necessitá artistica di esprimersi dell’italiano all’estero, ed il Coro, che troverá in futuro collaborazioni con i Comites, con le imprese italiane in Spagna, con gli eventi italiani e con le altre istituzioni del nostro paese, é destinato ad essere il punto di riferimento artistico degli italiani in Spagna”.

Francesco Ercolani

“Come sempre – prosegue -, quando si inizia a percorrere il cammino di un progetto nuovo e soprattutto di queste caratteristiche, non mancano alcune difficoltà iniziali, quali la ricerca di una sede, l’organizzazione e struttura del coro, la ricerca di appoggi economici esterni (sponsor e patrocinatori) che permettano il corretto svolgimento delle attivitá artistiche. Nel mio caso, la maggior parte delle problematiche è stata risolta in tempi record ed il Coro già funziona stabilmente e con ottimo successo di partecipazione: basti pensare che dai 14 membri iniziali del progetto oggi, dopo soli tre mesi, siamo quasi 50! Adesso, dopo il primo periodo di formazione dell’ensemble, inizieremo a dar concerti e farci conoscere in tutti quegli atti pubblici, ufficiali e non, dove il Coro possa contribuire con la sua presenza ed aiutare nell’esito della loro realizzazione”.

“Gli obiettivi sono diversi, nel tempo e nelle finalitá: far conoscere la ricchezza della musica italiana, contribuire all’educazione musicale dei partecipanti e dei giovani (con attivitá pedagogiche rivolte agli istituti di educazione primaria e secondaria), rappresentare musicalmente il nostro Paese, dar concerti e farci conoscere a livello internazionale. Mi appassiona davvero d’idea di essere al fronte della formazione corale italiana ufficiale in Spagna, ho creduto da sempre in questo sogno e finalmente é realtà”.

“Voglio ringraziare anche tutti i connazionali, gli italo parlanti e le persone che amano l’Italia per partecipare con tanto entusiasmo in questo progetto che son sicuro sará destinato a perdurare inalterato nel tempo: mancava un coro di queste caratteristiche, ed il momento per poterlo far conoscere é proprio adesso. Sono costantemente alla ricerca di persone che vogliano partecipare, molti italiani ancora non sanno di questa iniziativa ed é un peccato, perché non ha eguali”.

Alla mail di Francesco Ercolani – info@francescoercolani.com – potete richiedere maggiori informazioni. “Per partecipare nel coro non occorre conoscere musica – sottolinea il fondatore del primo e unico Coro Italiano Ufficiale in Spagna – semplicemente aver buona voce, tanta voglia di cantare e, perché no, di divertirsi tutti insieme. E, logicamente, essere italiano o amare Italia, la sua cultura, la sua lingua e la sua musica”.

“L’invito quindi – conclude il nostro connazionale in Spagna – è rivolto a tutti coloro che credono nel Coro Italiano Ufficiale in Spagna: sia per cantare con noi, sia per appoggiarci nei concerti che con il tempo daremo, sia per richiedere la partecipazione del coro laddove richiesto, vi aspettiamo numerosi!”.