Irpinia, incidente autobus: oltre 30 morti. Napolitano, ‘profondo dolore’ (VIDEO)

"Un’immane tragedia si e’ consumata intorno alle otto di ieri sera sull’autostrada Napoli-Canosa nel tratto compreso tra Baiano e Monteforte Irpino. Un autobus – scrive il Corriere della Sera – con quarantotto persone a bordo e’ precipitato da un viadotto ed e’ andato a schiantarsi dopo un volo di circa trenta metri. Ai soccorritori si e’ presentata una scena di quelle che non lasciano spazio alla speranza: visto dall’alto del viadotto, il bus era una immensa scatola accartocciata di cui non si distingueva piu’ il lato anteriore da quello posteriore. Ma l’orrore erano i corpi sparsi intorno per decine di metri. Precipitando dal cavalcavia dell’autostrada, molti passeggeri sono stati sbalzati fuori dalla cabina e sono andati a schiantarsi sulla strada sottostante. Il bus e’ finito invece in una zona piena di rovi e sterpaglie, e questo ha reso ancora piu’ difficile il lavoro dei vigili del fuoco e dei volontari della Protezione civile. Le operazioni di soccorso sono andate avanti per tutta la notte, ma in poche ore si e’ passati dalla speranza di trovare superstiti alla rassegnazione di ritrovare solo cadaveri. I primi due corpi ormai senza vita sono stati recuperati intorno alle 22, ma tre ore piu’ tardi il bilancio provvisorio (ancora provvisorio) parlava già di trentasei morti. Alla stessa ora invece era fermo a undici il conteggio delle persone che ancora respiravano quando le hanno tirate fuori dalle lamiere o recuperate la’ dove erano state sbalzate. Erano sei donne, tre bambini (pare che sull’autobus ce ne fossero molti) e due uomini. Un altro uomo, invece, pure estratto vivo dalle lamiere, e’ morto durante il trasferimento in ospedale. I feriti sono stati ricoverati all’ospedale di Avellino ma anche a Salerno e a Nola, e alcuni in condizioni particolarmente gravi sono stati trasferiti durante la notte a Napoli, al Cardarelli”.

Secondo le notizie più recenti, i feriti del grave incidente avvenuto nella tarda serata di ieri in Irpinia in totale sono 20. Secondo quanto riferito dalla polizia stradale, dieci sono passeggeri del pullman, tra i quali cinque bambini ricoverati al Santo Bono di Napoli, e dieci sono passeggeri delle auto coinvolte nell’incidente, due dei quali bambini.

NAPOLITANO, “PROFONDO DOLORE” Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato al presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il seguente messaggio: "Profondamente addolorato dal drammatico bilancio dell’incidente stradale verificatosi nella serata di ieri lungo l’autostrada A16, in provincia di Avellino, esprimo sentimenti di commossa ed affettuosa vicinanza al dolore delle famiglie delle vittime e rivolgo ai feriti gli auguri di una pronta guarigione. Desidero inoltre manifestare alle comunità colpite, in particolare a quella di Pozzuoli, la partecipe solidarietà dell’intero Paese. Questa inaccettabile sciagura richiama tutti, istituzioni e cittadini, ad un più tenace impegno per la sicurezza stradale e impone ogni iniziativa utile a ridurre i fattori di rischio. Agli interventi di adeguamento e manutenzione delle reti stradali e alle indispensabili attività di controllo e repressione deve affiancarsi una rinnovata consapevolezza di chi guida: il più scrupoloso e responsabile rispetto del codice della strada è essenziale per tutelare noi stessi, i nostri cari e il prossimo".

LETTA, “TRAGEDIA IMMANE” “E’ un momento che tocca il nostro Paese profondamente. Quello che e’ successo ieri – dice il presidente del Consiglio, Enrico Letta, da Atene – rimarra’ una ferita gravissima per quelle popolazioni e per il Paese. Unisco la vicinanza mia e di tutto il governo per questo momento cosi’ drammatico”.