Iraq, Casini: l’Europa faccia la sua parte, basta temporeggiare

(06112011FR1)- ROMA 06-11-2011 MANIFESTAZIONE UDC -CON IL TERZO POLO PER RIFARE L'ITALIA- NELLA FOTO: PIER FERDINANDO CASINI. FOTO: FRANCESCA RIZZO/ {TM News - Infophoto} Citazione obbligatoria {TM News - Infophoto}

"Al pacifismo di chi vuol dialogare con gli sgozzatori dell’Is, e pensa di risolvere tutto con una pacca sulle spalle, io proprio non credo. Quante anime belle, da Cinquestelle a Sel. Ma mi sanno dire questi presunti negoziatori come lo fermiamo il massacro dei cristiani curdi?". Lo dice in un’intervista a La Repubblica Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Affari esteri del Senato. Resta solo l’invio delle armi? "Il negoziato non lo fai con la resa dell’Occidente, incapace di reagire alle stragi quotidiane e al genocidio di un popolo. Se l’Occidente vuole negoziare, deve battere un colpo. Molto forte, aiutando quelle popolazioni a difendersi. Solo così potrà cominciare, dopo, la partita della diplomazia".

Intervento dell’Onu? "Una bellissima e ‘rassicurante’ coperta, non c’è dubbio. A tutti, e ne ha parlato il Papa stesso, piacerebbe che venisse ‘stesa’ laggiù. Però l’Europa deve fare la propria parte, muoversi senza temporeggiare oltre, perché se no resterà un grande cimitero. I grillini chiedono il dialogo con le milizie jihadiste? E allora ci provino loro a farli ragionare, ma subito, perché tra un po’ ci ritroviamo con i califfati in tutta la Libia".

"Io penso – continua Casini – che il tempo è scaduto, e che purtroppo siamo tutti arrivati in ritardo. Mi sono molto piaciute le cose dette dal Papa, ma credo che perfino nel mondo cattolico si sia tardato a capire l’entità di quel che stava accadendo, e si sia peccato per eccesso di timidezza. E tuttavia, attenzione: non si tratta di uno scontro tra occidente cristiano e mondo islamico, bisogna assolutamente evitare di vedere così quel che sta succedendo e quindi di reagire seguendo uno schema del tutto sbagliato. Qual è la chiave? Europa e Usa, se vogliono evitare guai peggiori, devono aprire un tavolo con alcune delle potenze regionali, con alcuni paesi determinanti in quell’area: Iran, Turchia, Egitto. Purtroppo – conclude – finora è mancata una visione di insieme, a cominciare da Bush e dallo stesso Obama, con conseguenze catastrofiche. Come in Libia. O in Siria. La democrazia non si esporta".