Governo, Delrio: Renzi è il mio Mosè

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, conferma al Corriere della Sera, che quando lo chiama Renzi sul display del telefonino compare la scritta ‘Mosé’ e spiega: "L’Egitto da cui gli italiani devono uscire è la loro forma mentis: pensare di trovare un posto solo se si ha un padrino politico". Ma sul display di Renzi quando chiama lui compare ‘Ietro’, il suocero di Mosé che dice: "Da solo non ce la puoi fare, cerca qualcuno di cui ti fidi e delega".

Del suo rapporto con il premier dice: "Tra me e Renzi c’è la stessa differenza che corre tra la fisica newtoniana e quella quantistica. Lui introduce un elemento di imprevedibilità che è importantissimo". Tuttavia confida di temere "la nostra incapacità di essere bravi".

Quindi definisce "priva di fondamento" l’accusa di ‘deriva autoritaria’ ma sottolinea: "Negli ultimi anni lo spazio di partecipazione democratica si è ridotto. Prima Berlusconi e ora Grillo hanno puntato sull’illusione che la democrazia si legittimi attraverso l’emotività popolare".