Governo, Brunetta (Fi): poteva cambiare l’Italia, ha sprecato occasioni

"Il governo delle occasioni sprecate. Avrebbe potuto cambiare l’Italia. Aveva un programma, per quanto non scritto, chiaro e definito. Bastava metterlo in atto. Invece niente". Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato dal Giornale: "Abbiamo chiesto una riforma organica del sistema di tassazione degli immobili, ed è venuto fuori il pasticciaccio brutto della Iuc. Non si è messo mano alla Pubblica amministrazione. Non è stato fatto l’attacco al debito. Non è stato ultimato l’accordo bilaterale con la Svizzera per il rientro dei capitali. Non sono stati introdotti i costi standard in sanità", "i tagli alla spesa pubblica sono solo virtuali. Non si è realizzata l’accelerazione dei pagamenti dei debiti della Pa. Infine, abbiamo proposto la rivalutazione del capitale della Banca d’Italia, ma il governo ha presentato troppo tardi un decreto scritto male. Tanto male che è bloccato a Francoforte dalla Bundesbank e dalla Bce".

"Già prima dell’estate, l’allora Pdl aveva fornito al ministro Saccomanni la propria proposta di calcolo del valore del capitale, con le relative procedure di Legge. Fatta bene e in tempo, da questa operazione sarebbero derivati benefici per tutti. Invece il Mef ha solo accumulato ritardi. Troppe incertezze, troppi tempi persi", conclude Brunetta.