Governo, Blair: Renzi mio erede, colpito da suo patriottismo

In una intervista a Repubblica l’ex premier britannico Tony Blair racconta il suo incontro con il presidente del Consiglio a Londra. "I momenti di grande crisi sono anche momenti di grande opportunità. In tempi normali sarebbe difficile per chiunque realizzare un programma ambizioso come quello delineato dal nuovo premier italiano. Ma questi non sono tempi normali per l’Italia. Renzi comprende perfettamente la sfida che ha di fronte. Se facesse solo dei piccoli passi rischierebbe di perdere la spinta positiva con cui è partito. Perciò c’è una coerenza tra il suo programma di riforme costituzionali e le riforme strutturali per rilanciare l’economia. E la crisi può dargli l’opportunità per compiere quei cambiamenti che sono necessari al Paese, ma che finora non sono mai stati fatti per le resistenze di lobby e interessi speciali".

E commenta ciò che sostiene il Financial Times secondo cui Renzi e il nuovo primo ministro francese Valls sono i suoi eredi: "Le circostanze odierne sono molto differenti da quelle del 1997 quando io entrai a Downing street. Ma il progetto fondamentale dei riformisti può ancora funzionare, andando oltre i vecchi divisori ideologici tra destra e sinistra. Oggi come ieri, occupare quello che io definisco il ‘centro radicale’ rappresenta la posizione politica più sensata".

"Se la riduzione del deficit è troppo veloce, la crescita non riparte. Ma se non si fanno le necessarie riforme, il deficit non si riduce. E mi sembra che questo Renzi lo abbia capito benissimo". E conclude: "Mi fanno effetto la profondità con cui analizza i problemi eie strategie che adotta per superarli. E un’altra cosa mi colpisce, il suo genuino patriottismo: l’amore che ha per il suo paese, il suo assoluto desiderio di fare occupare all’Italia il posto che merita nel mondo. Renzi non è interessato ai piccoli giochi della politica e del potere. Ha grandi ambizioni per l’Italia, come ho detto all’inizio, e proprio per questo credo che abbia la possibilità di farcela".