Festa del Papà, la birra è tra i regali preferiti. Le bionde le più amate

È buona, fa bene alla salute e mette tutti d’accordo: come attestano diverse indagini internazionali, la birra si conferma il regalo perfetto per i papà

La Festa del Papà è ormai alle porte ed è partita la caccia al regalo perfetto. Solo in Australia, stando alle stime del magazine B&T, nel 2021 si è certificata una previsione di spesa di 800 milioni di dollari con il 13% dei figli che spenderà più dell’anno precedente per rendere felice il proprio genitore. Il Father’s Day è una giornata che rappresenta anche un’occasione di analisi delle evoluzioni dei gusti e delle tendenze delle famiglie, i cui consumi sono sempre più in ripresa: già nel 2021, secondo Chain Store Age, il budget di acquisto negli Stati Uniti per il Father’s Day aveva segnato una crescita del 16% rispetto ai dati del 2020, soprattutto tra i Millennial.

Non solo, anche l’illustre National Retail Federation aveva già identificato un netto trend di crescita tra i buyer statunitensi: si è passati dai 17 miliardi di dollari nel 2020 ai 20,1 del 2021 (+18%). Su cosa è meglio puntare però per fare felice il proprio babbo? Secondo un’indagine pubblicata dal New York Post, al primo posto l’immancabile telefonata dei figli (47%), seguita da una cena a base di carne (41%), un momento di relax (38%), di gioco (38%) da una o più birre fresche (35%), che si attestano al 5° posto della speciale classifica.

Quella di regalare una birra al proprio “vecchio”, infatti, è una tradizione sempre più diffusa in tutto il mondo, basti pensare che in Giappone i bambini regalano ai loro papà dei calici per la birra fatti a mano. Ma qual è la birra preferita dai papà? Secondo un monitoraggio social condotto da Espresso Communication su un panel di 50 papà VIP, immortalati online mentre sorseggiano un boccale, il 76% predilige la birra chiara, mentre a sorpresa uno su 4, ben il 24% sceglie le birre scure. Un trend confermato anche dagli acquisti degli italiani in questi giorni che precedono la Festa del Papà: “Non possiamo che confermare: con l’avvicinarsi del 19 marzo le vendite sul nostro EHI!-Commerce sono in crescita e prevalentemente con ordini dedicati a questa occasione.

Molto successo è riscosso come sempre dalle birre più chiare, ma stiamo notando un aumento dell’interesse verso le scure, soprattutto tra le rosse – dichiara Ivan Magnus Tagliavia, head of marketing di Foodbrand, marchio a cui appartiene la catena di ristoranti Doppio Malto – Diverso invece il discorso quando sono i papà a venire a gustarsi una pinta nei nostri locali: in questo caso specifico i gusti maschili vedono trionfare le scure tradizionali su tutte le nostre Imperiale e Black Stout”.

Un trend dall’illustre tradizione che nasce molti secoli fa, come dimostra la predilezione per la birra di alcuni personaggi e padri storici come Martin Lutero, William Shakespeare e Friedrich Schiller. Una passione che ha anche i suoi “campionati” tra rivali: il grande derby si gioca infatti tra team scure e team bionde. Se da una parte c’è chi preferisce gustare una birra dal gusto più intenso come quello delle IPA scure, grazie all’utilizzo di malto torrefatto o tostato, c’è chi invece preferisce le bionde, più fresche e leggere. Una finalissima che si gioca per ora fino al 90° ma che tra qualche anno, stando alle nuove tendenze, potrebbe giocarsi fino ai calci di rigore, anche tra le star. Sono sempre di più infatti i papà attori, cantanti e opinion leader orgogliosi membri del “team scure”: da Tom Cruise e Jason Momoa a Bono ed Usher fino ai reali inglesi Carlo e William. E per il “team chiare” chi scende in campo? Joe Biden e Boris Johnson insieme agli attori Matthew McConaughey e Adam Sandler. Ma non solo, ci sono anche l’ex velocista Usain Bolt e il rapper Jay Z. La birra non solo rende felici i papà, in vista di partite di calcio o film da guardare, ma fa anche bene alla salute dell’uomo, per la gioia di mogli e fidanzate. Recenti studi pubblicati sulla rivista scientifica internazionale Atherosclerosis, dimostrano che un moderato consumo di birra all’interno della propria dieta aiuti a monitorare i livelli di colesterolo. Il motivo? È presto detto: insieme ad acqua, malto e lievito, all’interno della bevanda c’è il luppolo, ricco di un particolare flavonoide noto ai medici come Xantumolo. Il flavonoide aiuterebbe, secondo le ultime ricerche, a regolare l’appetito e quindi a mangiare meno. Che sia questo il segreto di papà famosi come Jason Momoa, Matthew McConaughey e Barack Obama per essere sempre così in forma?