Derby Roma-Lazio, ma quanto ci costano?

Dopo la partita Roma-Lazio ci sono stati i soliti tafferugli. Per evitare scontri tra le due tifoserie sono stati impiegati circa mille poliziotti e decine di vigili urbani. Quanto ci costa tutto ciò? Si pensi agli stipendi, alle trasferte e al mancato utilizzo in altri settori come quello della criminalità organizzata.

La situazione negli stadi è in definitivo degrado: andare a vedere una partita di calcio comporta ormai un rischio elevato per la propria incolumità e quella dei propri beni. Esasperato da una attività mediatica, dove finire a insulti è considerato un fatto normalissimo, e da una mancanza di interessi che possano convogliare le proprie tensioni, il "tifoso" trova nello stadio il proprio momento di apoteosi.

L’adrenalina va a mille e insultare arbitro e giocatori, aggredire gli avversari sportivi, oltre a danneggiare le strutture, appare la naturale conclusione di una giornata particolare. Si possono certo individuare e isolare i violenti, così come si possono trasmettere confronti televisivi meno rabbiosi. In più il cittadino, che vuole godersi una partita senza subire un trauma cranico, potrebbe decidere che a questo gioco non ci sta e starsene a casa domenica prossima. Non è ovviamente uno sciopero ma un’astensione da un "consumo pericoloso". Ci sarebbe un minor utilizzo delle forze di polizia, dei relativi costi, e un trasferimento di impegni in altri settori.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc/Associazione per i diritti degli utenti e consumatori