De Magistris, droghe leggere? Da legalizzare

Luigi De Magistris, sindaco di Napoli

Il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha rilasciato una lunga intervista a Radio Cusano Campus. Diverse le tematiche affrontate da De Magistris, che è partito con un bilancio personale sul suo operato da Sindaco: "Credo di aver contribuito a ridare dignità e orgoglio a questa città e ai napoletani. Quando sono diventato Sindaco Napoli era associata all’immondizia, nessuno voleva venire in questa città umiliata dall’emergenza rifiuti. Oggi invece c’è più consapevolezza, più partecipazione. Sicuramente molte tra le cose che avrei voluto fare non mi sono riuscite, alcune per colpe mie, altre per l’eredità che ho trovato. Vorrei ricordare a tutti che quando sono diventato Sindaco ho trovato una Napoli praticamente fallita". 

De Magistris sulla governabilità delle grandi città come Napoli o Roma: "Sono macchine enormi, fare il sindaco di alcune città è complicatissimo. Il Sindaco di New York mi disse che fare il Sindaco di Napoli è più complicato che fare il Sindaco di New York. Io sono senza soldi, qui c’è una differenza tra noi e Roma. Rispetto alla Capitale abbiamo avuto molti tagli e non abbiamo il Giubileo. Non c’è dubbio, poi, che nel nostro paese la burocrazia è molto forte e determina una ritrosia al cambiamento. Io credo che però il sindaco possa fare molto, io sono stato spesso per strada, ho avuto con i miei concittadini un rapporto quasi fisico. Questo è molto duro, ma alla fine paga".

Sulla regolamentazione della prostituzione: "Stiamo lavorando molto nella direzione dello zoning creando delle aree ovviamente in luoghi non vicini alla vita pulsante della città in cui attraverso mediatori sociali e polizia locale si cerca da una parte di sottrarre le donne alla schiavitù, dall’altra di creare aree cuscinetto in cui fare mediazione. Io sono favorevole al dibattito, su questo sono molto laico. A Napoli ci stiamo orientando su questa scelta, e qualche risultato lo stiamo ottenendo. Non bisogna dimenticare che se c’è un’offerta evidentemente esiste anche una domanda".

Sulla regolamentazione delle droghe leggere: "Sono da sempre favorevole a disegni di legge in tal senso. Lo ero da magistrato, lo sono ora da sindaco. Questo processo sottrarrebbe tantissimo alla criminalità organizzata"