CORONAVIRUS | La Repubblica Dominicana ha il tasso di mortalità più alto dell’America Latina

L’età media delle vittime è di 62 anni, il 77% è di sesso maschile. Nella RD il tasso di mortalità del virus è del 5%, il più alto dell’America Latina

Avanza il Coronavirus nella Repubblica Dominicana. Questa mattina il ministro della Salute Rafael Sanchez Cardena ha comunicato che il numero totale dei contagiati è di 1.284 e che quello dei morti è aumentato a 57, sei in più rispetto a ieri.

Nella RD il tasso di mortalità del virus è del 5%, il più alto dell’America Latina.

L’età media delle vittime è di 62 anni, il 77% è di sesso maschile. Il ministro ha indicato la provincia Duarte come quella con il maggior numero di morti (23).

Intanto nella Repubblica Dominicana continua l’emergenza nazionale. Isolato il Distretto Nazionale, prosegue il coprifuoco dalle cinque del pomeriggio fino alle sei del mattino del giorno seguente.

Con il blocco delle frontiere e la conseguente cancellazione di migliaia di voli, il turismo è totalmente azzerato. Tutti gli hotel del Paese sono chiusi, tranne tredici, che ancora ospitano turisti stranieri e che resteranno aperti fino a quando questi non saranno potuti tornare a casa.

A Santo Domingo, in particolare, gli unici hotel aperti sono l’Aparta Hotel Drake, W&P (BQ Santo Domingo), El Embajador a Royal Hideaway Hotel, Quality Hotel Real y Weston Suites Hotel & Casino.