Calcio, Milan batte Lazio 3 a 0 all’Olimpico

All’Olimpico il Milan batte la Lazio 3 a 1. Sinisa Mihajlovic, allenatore del Milan, al termine del match commenta: “Peccato per il gol preso, non dovevamo subirlo, ma i ragazzi hanno fatto molto bene. Sapevamo che sarebbe stato difficile ma abbiamo vinto: si è visto spirito di squadra, siamo stati compatti e penso abbiamo vinto meritatamente. Non posso che essere soddisfatto". 

Attimi di paura all’Olimpico, quando al 4′ del secondo tempo di Lazio-Milan, il difensore rossonero Alex e’ caduto a terra privo di sensi dopo aver ricevuto un colpo alla testa dal compagno di squadra Kucka. Il brasiliano e’ stato trasportato fuori dal campo in barella, sostituito da Mexes subito in gol per il momentaneo 2-0 degli ospiti. Alex, vigile, e’ stato quindi trasportato in ospedale per degli accertamenti. Il serbo, intervistato da Premium Sport, ha chiarito sulle condizioni di Alex: "Ha fatto una tac deve rimanere in ospedale per i controlli, ma non ha nulla".

Nonostante il terzo successo consecutivo Mihajlovic ha predicato basso profilo: "Non parliamo di svolta, noi dobbiamo pensare partita dopo partita: siamo risaliti un po’, giochiamo con meno paura. Questa è la strada giusta, ma quella con l’Atalanta potrebbe essere la partita della svolta, perché le cose comincerebbero a mettersi bene".

IL COMMENTO La grande partita di Cerci (che ha messo piede sul gol di Bertolacci e ha colpito un palo), la bella prestazione di Bonaventura (che assist per il terzo gol di Bacca!) e l’entrata di Mexes, in gol subito, sono stati le componenti della meritata vittoria del Milan sul campo di una mediocre Lazio. La terza vittoria consecutiva ha portato la squadra di Mihajlovic a ridosso delle prime. E la difesa rossonera per la seconda volta consecutiva non ha subito gol. Per la Lazio, uno delle frequenti serate-no, mitigata dal tardivo gol di Kishna. La frenetica azione delle due squadre a centrocampo ha bloccato la partita a lungo nella zona di mezzo. Una incursione di Bonaventura con tiro alto e gli sprint di Cerci hanno animato la gara, ma senza esiti pericolosi. Il Milan ha impedito alla Lazio di verticalizzare il proprio gioco e l’ha colpita al 25′: Bonaventura ha tagliato il campo da sinistra a destra per Cerci che ha tirato, Marchetti ha respinto su Bonaventura che ha insaccato. Disattento Lulic, un po’ difettoso l’intervento del portiere biancoceleste e poco presenti i difensori laziali sulla respinta di Marchetti. Le oggettive difficolta’ della squadra di Pioli nel far gioco, hanno indirizzato la gara su binari rossoneri. L’infortunio a Bertolacci, che aveva sbloccato la partita, ha costretto Mihajlovic a sostituirlo con Poli. Un intervento di piede di Donnarumma ha sbrogliato una situazione ingarbugliata in area milanista. Lo scatenato Cerci, al 37′, imbeccato da Montolivo sulla destra, ha tirato in corsa sul secondo palo, colpendolo a portiere battuto. Che occasione!

Qualche iniziativa di Felipe Anderson e’ stata arginata dai rossoneri. Il Milan e’ parso in serata e nel primo tempo ha fatto di piu’ e meglio della Lazio. La prestazione poco brillante dei suoi ha indotto Pioli a correggere qualcosa nell’ingranaggio biancoceleste: Cataldi ha preso il posto di Onazi, poco adatto a fronteggiare il ritmo dei rossoneri. In uno scontro con Kucka, Alex ha avuto la peggio ed e’ stato sostituito da Mexes. Appena entrato, l’ex romanista ha toccato in rete di testa, anticipando Marchetti, su punizione da sinistra, siglando il 2-0. Il Milan, col risultato in mano, ha cercato il colpo del k.o. definitivo con Bonaventura che e’ stato ammonito ed era diffidato. La Lazio e’ apparsa in chiara difficolta’ in fase difensiva. Donnarumma ha effettuato qualche intervento difficile, dimostrando di essere sulla strada della maturazione, nonostante i sedici anni o poco piu’. La squadra di Pioli in crescendo nel finale, ha cercato vanamente di riaprire la partita, anche per un fuori gioco che ha invalidato un gol di Kishna. Al 34′ un gran lancio di Bonaventura ha messo Bacca (che sprint!) davanti a Marchetti ed e’ arrivato il 3-0. Bel gol di sinistro di Kisna, a partita decisa. La Lazio non ha cosi’ confermato le proprie virtu’ casalinghe (ha fallito il traguardo delle sei vittorie di fila in questo campionato), contro un Milan che in trasferta non ne aveva azzeccato molte ed e’ ora alla seconda vittoria esterna stagionale dopo quella di Udine. Mihajlovic, ha dato continuita’ ai successi ottenuto contro Sassuolo e Chievo.

Nel gol di Bertolacci ha messo lo zampino Cerci, un giocatore ritrovato che ha anche colpito un palo. Su Pioli si abbattera’ la solita ondata di pessimismo, che dovra’ essere cancellata da una vittoria nel derby, la partita piu’ sentita nella Capitale. I rossoneri, che hanno fatto un bel salto in avanti, ricominceranno a parlare di Champions League e a sfoderare propositi di grandeur: la prossima linea del Piave sara’ la gara con l’Atalanta. C’est la vie, anzi e’ il Milan.