Berlusconi incontra senatori Fi, ‘rispettiamo patto Nazzareno’

Silvio Berlusconi riunisce nel parlamentino di palazzo Grazioli i senatori di Forza Italia per parlare di legge elettorale e di Quirinale. Il Cavaliere, parlando con i suoi, avrebbe ribadito l’intenzione di mantenere fede al patto del Nazareno, “per cui vi chiedo di votare sì all’emendamento Esposito”, uomo Pd; emendamento che recepisce l’accordo di maggioranza e precluderebbe il voto su molti dei 44mila emendamenti presentati. Nel corso della riunione la proposta di Silvio vede però contraria la fronda azzurra. Così sul tema si è aperto il dibattito.

Berlusconi, viene riferito, ha esortato i suoi a tenere fede al patto del Nazareno, non solo per senso di responsabilita’ – e’ stato il ragionamento del Cavaliere – ma anche perche’ dalla tenuta del patto deriva anche la partita sul prossimo inquilino del Quirinale. Un ragionamento, tuttavia, che non convince tutti i senatori azzurri. Resta, infatti, la netta contrarieta’ dei fittiani, che non vogliono il premio di maggioranza alla lista ma nemmeno un numero cosi’ alto di capilista bloccati.

Fra le altre cose il Cavaliere avrebbe annunciato un nuovo incontro con Matteo Renzi per martedì concentrato solo sul nodo del Quirinale. Un incontro, quello fra B e Renzi, “interlocutorio”, secondo quanto assicurato da Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia. I due leader si sono concentrati sul percorso comune delle riforme, a cominciare dalla legge elettorale. E’ il nodo dell’Italicum che in questo momento, riferiscono, può condizionare la partita del Colle e da lì che bisogna partire. Il premier ha fatto la sua proposta di riforma del voto e ora spetterà al Cav, soprattutto all’interno del suo partito, valutarne l’opportunità politica.

La fronda azzurra, intanto, è pronta a dare filo da torcere sull’Italicum. Raffaele Fitto ha riunito ieri i suoi deputati e oggi, a pranzo, i suoi senatori: restano tutte le perplessità nei confronti del testo disegnato dai renziani. I senatori vicini all’ex ministro pugliese sono pronti a dare battaglia e da Berlusconi a palazzo Grazioli stanno facendo sentire la loro voce.

Il Cav continua a difendere il Nazareno. E’ pronto a tutto per evitare spaccature, visto che i numeri gli consigliano di serrare i ranghi, soprattutto al Senato dove i ‘fittiani’ possono essere determinanti.