Abusa della figlia 13enne e finisce ai domiciliari. Per noi era meglio la castrazione chimica

Ha abusato della figlia 13enne per un intero mese di vacanza. Domiciliari? Fosse stato per noi, una volta confermati i fatti, avremmo preferito la castrazione chimica

Ha abusato della figlia di 13 anni durante tutto il mese di vacanza trascorso insieme ed è finito ai domiciliari un 44enne di Sessa Aurunca (Caserta). Fosse stato per noi, avremmo preferito la castrazione chimica.

La cronaca. Secondo quanto accertato dai carabinieri, gli abusi sarebbero avvenuti appunto durante le ultime vacanze estive, che la bambina ha trascorso dal padre, separato dalla madre.

Tornata a casa dalla mamma, la ragazzina ha iniziato a soffrire di attacchi di panico, uno dietro l’altro, fortissimi, tant’è che la madre ha dovuto portarla più volte al pronto soccorso.

La minore ha poi intrapreso un percorso di sostegno psicologico e proprio durante le sedute ha raccontato che il padre, per circa un mese, l’ha molestata.

Gli investigatori dell’Arma, guidati da Giuseppe Fedele, hanno accertato l’attendibilita’ del racconto.

Una volta appresa la notizia, la madre ha subito denunciato tutto ai carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca, facendo così partire le indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere (Procuratore Maria Antonietta Troncone, Aggiunto Alessandro Milita).