Venezuela, Pd Spagna-Portogallo: “Vicinanza e sostegno al popolo venezuelano”

“E alla comunità italiana residente in Venezuela. “Le ultime notizie sono preoccupanti, riguardano la tenuta della democrazia in quel paese e la convivenza civile”

“La Federazione Paese del Partito Democratico Spagna-Portogallo, assiste con grave preoccupazione e sgomento alle ultime notizie sulla crisi venezuelana. Noi italiani, nati in Italia o in qualsiasi parte del mondo, che abbiamo scelto la Penisola Iberica come terra di futuro, stiamo assistendo giornalmente, e oramai da alcuni anni, al continuo esodo di tanti italiani nati in Venezuela, che fuggono da quel paese che ha dato accoglienza e lavoro ai loro progenitori emigrati dalla fine dell’800 in poi. Scappano alla ricerca di un rifugio in Europa, scegliendo la Spagna come meta di futuro anche per questioni linguistiche e culturali. Sono persone, italiani che hanno perso tutto economicamente, ma anche e soprattutto, la speranza di un futuro nella loro terra di nascita o di adozione”. Lo scrive in una nota Pietro Mariani, Segretario Federazione Pd Spagna-Portogallo.

“Le ultime notizie sono preoccupanti, riguardano la tenuta della democrazia in quel paese e la convivenza civile. La crisi economica, la iperinflazione e le penurie della popolazione legate alla mancanza dei generi alimentari di prima necessità e le medicine di base sono spaventose.

Auspichiamo che il governo italiano voglia condividere la posizione finalmente unitaria dell’Unione Europea sulla celebrazione immediata di elezioni trasparenti come unico strumento per evitare una escalation della crisi interna”.

“Auspichiamo che le indicazioni che ha dato la Unione Europea sulla celebrazione a breve di elezioni democratiche, sotto il patrocinio dell’ONU, sia ascoltata dalle autorità venezuelane”.

“La federazione Spagna-Portogallo del PD esprime tutta la sua vicinanza, affetto e sostegno al popolo venezuelano, alla comunità italiana residente in Venezuela e alle nostre rappresentanze diplomatico-consolari. Il popolo in democrazia – conclude Mariani – ha sempre la ultima parola”.