Svizzera, italiano espulso per debiti: razzismo anti-italiano?

Sono tanti gli episodi d’intolleranza a carico d’italiani che si verificano al di là delle Alpi. Questa volta sono stati i giudici federali di Losanna a dar ragione al Canton Ticino, che voleva espellere un cittadino italiano reo di aver accumulato 18 procedure esecutive (per oltre 3 milioni di franchi) e 21 attestati di carenza beni (per altri 1,7 milioni).

L’uomo dal 2010 aveva beneficiato dell’assistenza pubblica e dopo una lunga serie di peripezie giudiziarie, nel novembre 2014 ha tentato la sua ultima chance per restare in Svizzera, quella del Tribunale federale, presentando ricorso e ottenendo in via d’urgenza la sospensione del decreto d’espulsione.

La sentenza definitiva, tuttavia, ha respinto il ricorso e ha posto tutte le spese giudiziarie (2’500 franchi) a carico dell’uomo, che dovrà quindi lasciare la Svizzera, paese in cui viveva dal lontano  1988. Una storia che sta assumendo i contorni dell’ordinario in Svizzera, dove gli italiani che hanno sempre contribuito al miglioramento delle condizioni di vita di quel Paese con il proprio sudore della fronte, si ritrovano spesso umiliati e costretti a subire il volere delle autorità che si uniformano più che ai diritti umani, al sentire comune che in questo momento assume particolari contorni d’intolleranza.