Samsung trasforma i vestiti in una batteria portatile intelligente per il Galaxy S9?

La maglietta Samsung sarà in grado di raccogliere energia, memorizzarla e condividerla con altri dispositivi senza l'intervento di un caricabatterie

Samsung ha presentato un brevetto interessante, un capo di abbigliamento che sarà in grado di raccogliere energia per fornirlo allo smartphone – in questo caso il futuro Samsung Galaxy S9-.

Ciò è di grande importanza, poiché a differenza di altri capi “intelligenti”, la maglietta Samsung sarà in grado di raccogliere energia, memorizzarla e condividerla con altri dispositivi senza l’intervento di un caricabatterie o altra fonte di alimentazione.

Questo brevetto è stato depositato da Samsung Electronics, la società lo descrive come “dispositivo elettronico utilizzabile e metodo operativo” in cui interviene un canalizzatore di energia, che utilizza il movimento per generare energia – il che ci dice che sarà l’energia cinetica a ricaricare la maglia.

Oltre alla descrizione principale, vengono menzionati anche l’uso di processori, sensori e altri elementi come batterie e circuiti che eseguiranno tutte le operazioni.

Nell’illustrazione è possibile vedere come i sensori principali e i sensori di energia saranno posizionati strategicamente nell’area delle articolazioni come braccia, busto e spalle, nello stomaco, oltre a due elementi, il primo un controller posizionato all’altezza del torace sicuramente per attivare la maglia, mentre sarà nella parte bassa della schiena dove si troverà la maggior parte degli elementi elettronici.

Sfortunatamente, ci sono ancora molte incognite sull’efficienza di questo capo, la capacità della batteria, se sarà resistente al sudore e all’acqua… Inoltre per ricaricarsi richiede di molto movimento. Saranno forse soprattutto gli sportivi ad usarla?