Prosegue il lavoro dell’USEI tra gli italiani in Sud America, Sangregorio: “Verso la vittoria”

Il presidente dell’Unione Sudamericana, Eugenio Sangregorio: “Molto presto raccoglieremo i frutti del lavoro che abbiamo portato avanti con impegno durante tutti questi anni”

Eugenio Sangregorio, imprenditore di origine calabrese a Buenos Aires, presidente USEI

Eugenio Sangregorio, presidente dell’Unione Sudamericana Emigrati Italiani (USEI), è appena rientrato a Buenos Aires dopo un viaggio in Italia, trascorso tra i palazzi istituzionali di Roma e l’orizzonte azzurro della sua Calabria. Rientrato in Argentina, l’imprenditore italiano guarda con interesse al futuro politico che si sta delineando. Si è incontrato alcuni giorni fa con Renata Bueno, deputata USEI, in Brasile. Un incontro cordiale, amichevole, nel quale si è parlato anche dei prossimi appuntamenti elettorali, decisivi per il successo di chi si presenta all’estero con un programma accattivante e una fiducia consolidatasi nel tempo. Sangregorio si sente sicuro, questa volta. Sicuro di vincere.

“L’USEI in questi anni ha lavorato molto bene – spiega il presidente Sangregorio -, magari senza pubblicizzare troppo le nostre iniziative, ma non ci siamo mai fermati. Da qualche tempo abbiamo scelto di dedicare maggiore attenzione alla comunicazione e al mondo dei social network, Facebook in particolare. Anzi, vi invito a visitare la nostra pagina ufficiale su Facebook per seguire tutte le iniziative che come USEI portiamo avanti”.

“Molto presto raccoglieremo i frutti del lavoro che abbiamo portato avanti con impegno durante tutti questi anni”, ha proseguito Sangregorio, che a proposito di elezioni politiche spiega: “Molte cose sono cambiate dal 2013 in Sud America, in Argentina in particolare. La gente è stufa e sempre più spesso si rivolge a noi dell’USEI per cercare, uniti, di cambiare le cose. Anche per questo durante l’ultimo incontro con l’On. Bueno abbiamo valutato seriamente l’ipotesi di aprire una sezione permanente dell’USEI in Brasile, Paese dove risiedono moltissimi connazionali. Un ufficio USEI in Brasile, presente sul territorio, tutti i giorni, a stretto contatto con la comunità italiana. Questo il nostro progetto, sono convinto che diventerà realtà molto presto. Con Bueno stiamo lavorando per questo”, ha assicurato Eugenio Sangregorio.

16117-sangregorio-usei

Intanto sabato 1 Aprile si terrà a Buenos Aires un vertice USEI al quale parteciperà, tra gli altri, anche Stefano Casini, da Montevideo, Uruguay. Il presidente Sangregorio infatti tiene sempre aperti i contatti con tutti i Paesi del Sud America. Nelle prossime settimane dovrebbe incontrare Ugo Di Martino, dal Venezuela. E poi altri importanti imprenditori, tutti molto apprezzati nel mondo latinoamericano.

“I nuovi impegni previsti porteranno all’adesione di note personalità della società e dell’economia che convergeranno sulle nostre proposte e ci regaleranno quel risultato lusinghiero che siamo convinti di meritare – ha concluso Eugenio Sangregorio – ; i mesi che verranno li utilizzeremo per continuare a lavorare al meglio, vicini alla gente, ascoltando i nostri connazionali e raccogliendo le loro istanze in merito alle problematiche rimaste ancora insolute. Entrando più forti nel mondo delle istituzioni romane avremo i numeri necessari a ottenere risposte rassicuranti per la nostra comunità”.