PAROLA DI CHEF VEGANO | “Se parliamo di tradizione culinaria italiana, forse dobbiamo ripensarla”

“La tradizione culinaria italiana è stata per molto tempo costituita principalmente da vegetali. Se parliamo di tradizione autentica, forse dobbiamo ripensarla”

Lo Chef vegano, divenuto noto a seguito dell’imitazione del comico Maurizio Crozza, Simone Salvini, è intervenuto su Radio Cusano Campus per parlare dei suoi esordi e del suo incontro con il Ministro degli Interni suo omonimo Matteo Salvini.

Quando propose a Matteo Salvini di mangiare seitan. “Io e il Ministro Salvini abbiamo partecipato assieme ad una trasmissione radiofonica e mi sono divertito molto. Abbiamo anche scherzato sui nostri cognomi. Il Ministro è stato al gioco: su mio invito ha provato del cibo vegano. Dopo aver assaggiato seitan, evidentemente cucinato male, lo ha definito “il cibo meno gradito di tutta la sua vita”. Auguro al Ministro Salvini di fare un buon lavoro e di pensare a tutti gli italiani”.

L’imitazione di Crozza. “Crozza è stato un bellissimo regalo del destino. Il tema della cucina vegetale spesso è trattato da molte persone così come lo tratta Crozza. Ci sono molti cuochi onnivori che cucinano le verdure molto meglio di me, ma la mia cucina, occupandosi solo di prodotti al 100% vegetali, è diversa”.

La cucina. “La tradizione culinaria italiana è stata per molto tempo costituita principalmente da vegetali. E’ solo negli ultimi decenni, con l’influenza degli americani che si sono introdotti alimenti raffinati o il consumo quotidiano della carne. Nel bacino mediterraneo per millenni abbiamo mangiato principalmente cereali, legumi e verdure. Se parliamo di tradizione autentica, forse dobbiamo ripensarla”.