Medio Oriente, Israele: no alla disinformazione – di Antonio Gabriele Fucilone

In Medio Oriente vi è il grave rischio di una guerra tra Israele ed i palestinesi e subito la disinformazione si fa sentire. Si parla di "poveri palestinesi" bersagliati a Gaza dai "cattivi e brutali israeliani". Ora, la realtà è ben diversa. A Gaza governa Hamas.

Hamas, oggi, fa parte del governo dell’Autorità Nazionale Palestinese, insieme ad al-Fatah, il partito di Abu Mazen, presidente della succitata autorità. Hamas è un partito fondamentalista che vuole distruggere Israele e ciò che non è islamico, un’organizzazione che a livello internazionale è stata definita terroristica.

Anche i metodi di Hamas sono tipici di un’organizzazione terroristica. Basti pensare ai kamikaze che si fanno saltare in aria nelle città israeliane.

Purtroppo, qui in Italia si fa della disinformazione. Si parla, per esempio, dei soldati israeliani che compiono azioni militari in una zona mentre non si dice nulla dei razzi che da Gaza Hamas lancia ogni giorno contro le città israeliane. Si fanno passare gli israeliani per cattivi però non si dice che negli ospedali israeliani si curano anche parecchi arabi ed i medici israeliani li curano.

Inoltre, vorrei porre questa domanda: se sono così poveri, come fanno i palestinesi ad avere le armi? Se sono così poveri, come fanno i palestinesi ad avere gli esplosivi? L’esplosivo non si compra al supermercato ed i missili non si comprano in ferramenta. Un povero non spende i suoi pochi soldi per comprare una pistola, ma comprerebbe del cibo e dei medicinali.

Israele si sta solo difendendo e fa bene a fare quello che fa.

Termino, con un pensiero per Gerusalemme. Gerusalemme deve essere riconosciuta come capitale di Israele. Infatti, solo se Gerusalemme sarà capitale di Israele le comunità religiose presenti lì (ebrei, musulmani e cristiani) potranno vivere in pace e in sicurezza.