Italiani nel mondo, Garavini (Pd): “Gli eletti di maggioranza si diano una mossa”

“Piuttosto che alimentare polemiche false nei nostri riguardi sarebbe più produttivo se i colleghi cercassero di ottenere qualcosa per gli italiani all'estero”

Sen. Laura Garavini, Pd

Laura Garavini, senatrice Pd, intervenendo alla riunione Comites di Berna ha detto: “I principali capitoli di spesa legati agli italiani nel mondo con i nostri Governi PD avevano beneficiato di un incremento di risorse importante negli ultimi anni, in particolare grazie all’impegno di noi eletti all’estero del PD. Infatti, nel dialogo costante con i nostri esecutivi, eravamo riusciti ad ottenere investimenti significativi per lingua e cultura, per gli organi di rappresentanza, per le Camere di Commercio, per il made in Italy ed in generale, per tutte le questioni a noi inerenti”.

“Oggi la situazione si è completamente ribaltata. E ci troviamo di fronte un Governo che su svariate materie ha deciso di tagliare o non rinnovare fondi da noi precedentemente stanziati. Ad esempio non ha rinnovato un milione di euro ai Comites, nè 400mila euro al Cgie. I gialloverdi impongono così delle riduzioni di spesa che stanno già impedendo il corretto funzionamento di questi organismi e rischiano di pregiudicarne il proseguio”.

“Nonostante questi tagli, gli eletti all’estero di Lega e 5 stelle cercano di nascondere il mal operato del loro esecutivo attaccando il Partito Democratico. Piuttosto che alimentare polemiche false nei nostri riguardi sarebbe più produttivo se i colleghi cercassero di approfittare del fatto che i loro partiti sono in perenne campagna elettorale, per iniziare finalmente a chiedere e ottenere qualcosa per gli italiani all’estero. Ammesso che ne siano capaci”.