Italiani all’estero, riunione del Comites di Zurigo: ecco di cosa si è parlato

Si è svolta lunedì 16 febbraio 2015 alla Casa d’Italia di Zurigo l’ultima riunione dei membri del Comites uscente. L’ordine del giorno prevedeva, oltre alla approvazione del bilancio consuntivo del Comitato, la formulazione di parere sulle richieste di contributo avanzate dalle testate italiane della circoscrizione: Il Corriere degli Italiani, La Pagina e La Rivista.

Sulla base dell’alto valore democratico che i membri attribuiscono agli organi di informazione, il Comites ha espresso parere favorevole per i tre periodici. Si è ribadito che la normativa non può esimersi dal considerare, oltre alla carta stampata, le trasmissioni radiofoniche, le pubblicazioni edite e diffuse via internet e le televisioni esistenti all’estero che rappresentano oggi il metodo più diffuso di divulgazione di informazioni.

Il Comitato rimanda agli organi competenti il controllo delle dichiarazioni presentate dalle testate e tiene a sottolineare l’importanza del rispetto delle regole per l’ottenimento di contributi statali.

Nelle varie, il Console Generale, Francesco Barbaro, ha comunicato il nuovo orario di apertura al pubblico del Consolato Generale di Zurigo che entrerà in vigore a partire dal primo marzo 2015: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e martedì e giovedì dalle ore 14.30 alle ore 16.30. In questo modo il Consolato sarà aperto tutti i giorni feriali, passando dalle 19 ore alle 22 ore di apertura settimanale al pubblico.

Il Comites, che in più occasioni ha sollecitato un adeguamento dell’orario alle necessità dei connazionali, soprattutto dopo l’accorpamento del Consolato di San Gallo, si è detto soddisfatto di questo primo passo verso l’utenza. I membri hanno colto l’occasione per sottolineare l’importanza di una revisione del centralino che non sempre soddisfa le chiamate. Il Console Barbaro ha precisato che questo è il prossimo obiettivo da raggiungere.