Italiani all’estero, MAIE e PdL comincino a dialogare – di Antonio Gabriele Fucilone

Oggi vorrei parlare dell’operato del MAIE (Movimento Associativo degli Italiani all’Estero) dell’On. Ricardo Merlo. Lo faccio da osservatore esterno, essendo io del Popolo della Libertà. Penso che il MAIE stia facendo proprio quello che dovrebbero fare i partiti moderati nel mondo, partiti che spesso e volentieri (dico ciò contro il mio interesse) purtroppo sono latitanti. Il fatto che il MAIE stia avendo sempre più consensi è dovuto al fatto che l’elettorato italiano all’estero, che è in larga parte moderato, abbia visto in quel partito un punto di riferimento. Ciò è ovvio. Il MAIE si sta bene organizzando, nonostante sia un movimento relativamente recente.  Infatti, si sta organizzando tra la comunità italiane nel mondo, ove nomina referenti che parlano con i cittadini italiani all’estero. Basti pensare al mio conterraneo della Provincia di Mantova Massimo Gennatiempo, che è referente del MAIE nella Repubblica Domenicana, o a Gian Luigi Ferretti che è referente in Europa. Inoltre, il MAIE parla direttamente ai cittadini italiani che stanno all’estero. Questo è importante. Oggi serve una politica che parli direttamente alle persone, che spesso non vogliono affidarsi solo agli apparati di partito. Ergo, quando ci sono le elezioni, la gente vuole sentire i candidati vicini. Il MAIE è riuscito ad interpretare bene questo pensiero. Inoltre, per ovvie ragioni, il MAIE tocca i temi più cari agli italiani nel mondo. Cito il caso delle circoscrizioni estere. Mentre in Parlamento c’è chi vuole toglierle, togliendo di fatto il voto estero, il MAIE sta (giustamente) difendendo questo diritto degli italiani che vivono fuori dall’Italia.  

Gli italiani all’estero pagano le tasse anche per l’Italia. Basti pensare all’IMU. So che nel 2014 il MAIE farà il congresso nell’America Settentrionale e Centrale. Gli faccio i miei migliori auguri ed auguro anche un’altra cosa, che si possa creare un unico polo moderato per gli italiani nel mondo. Il MAIE fa parte della grande famiglia dei moderati che sono alternativi alla sinistra. I moderati (alternativi alla sinistra) si trovano nel centrodestra. Il mio auspicio è che possa esserci un dialogo proficuo tra MAIE e Popolo della Libertà, un dialogo che possa portare anche ad una vera alleanza, per dare agli italiani nel mondo un vero polo moderato ed alternativo alla sinistra.