Italiani all’estero, elezioni Comites: per votare bisogna iscriversi a ‘registro elettori’

Elezioni dei Comites entro il 2014, ha assicurato il governo nei giorni scorsi. Il voto avverrà per corrispondenza, come in passato, ma questa volta riceveranno il plico solo coloro che avranno provveduto ad iscriversi appositamente in una sorta di “registro degli elettori”. Le iscrizioni possono avvenire di persona al Consolato oppure per posta, per fax o per mail, inviando una copia del documento di identità. I Consolati stanno già accettando le iscrizioni.

Secondo quanto disposto dal Ministero degli Affari Esteri, infatti, il decreto-legge 1° agosto 2014, n. 109 – contenente, all’art. 10, disposizioni urgenti per il rinnovo dei Comitati degli Italiani all’estero (pubblicato in G.U. n. 179 del 4 agosto 2014) – prevede l’esercizio del diritto di voto per corrispondenza, come disciplinato dalla L. 286/2003, con il correttivo dell’invio del plico elettorale ai soli elettori, in possesso dei requisiti di legge, che ne facciano espressa richiesta all’Ufficio consolare competente.

Il cittadino residente all’estero che vorrà partecipare alle consultazioni dovrà quindi manifestare la propria volontà di iscriversi all’elenco elettorale all’Ufficio consolare di riferimento, a partire anche da ora.

Le richieste per l’esercizio del diritto di voto per l’elezione dei Comites possono pervenire tramite posta, posta elettronica certificata, posta elettronica non certificata, fax, purché corredate da copia del documento di identità del richiedente.

Le elezioni in oggetto si terranno – fatte salve naturalmente eventuali modifiche che possano intervenire in sede di conversione – entro il 2014, e quindi, con ogni probabilità, nel mese di dicembre.