Immigrati, Salvini: ‘più della metà sono clandestini, Renzi sveglia!’

"In Italia sono arrivate 100.000 persone. Meno del 50% sono realmente rifugiati, più della metà non hanno status particolari. Gente che viene accolta in hotel tre stelle, ma in Italia chissenefrega di 4 milioni di disoccupati. Più della metà di questa gente sono immigrati clandestini, e chi ci garantisce che poi qualcuno di questi non si farà esplodere da qualche parte?". Lo ha detto Matteo Salvini, leader della Lega Nord, questa mattina ad Agorà, su Rai Tre.  

Sulla situazione in Iraq, Salvini ha invece spiegato che la Lega ha "votato contro l’invio delle armi perché è un atteggiamento ipocrita. La Lega dei Curdi si occupa da 12 anni, non da 12 minuti. Nessuno pensa ad affondare i barconi. Ma l’operazione Mare Nostrum ha causato migliaia di morti. L’Europa ha le sue colpe, ma noi quando abbiamo votato per cambiare queste norme a Bruxelles eravamo soli. Mare Nostrum è un’operazione solo italiana, che aiuta gli scafisti, tutti gli altri paesi europei difendono i confini, soccorrono chi è in difficoltà e lo riaccompagnano da dove è venuto".

"Mentre Renzi va in Iraq a dire: ‘Attenzione, c’e’ pericolo, qui sbarcheranno altre migliaia di persone’, qualcuno avanza richieste per costruire moschee con soldi di dubbia provenienza. Temo ci sia troppa sufficienza e che ci stiamo coltivando a casa nostra, spero di no, un potenziale esplosivo che stiamo sottovalutando. Piu’ che andare in Iraq, inviterei Renzi a venire in Stazione Centrale a Milano, due passi per Roma senza scorta possibilmente, e non si scherza col terrorismo. Dico a Renzi, sveglia!".

"C’e’ profonda ipocrisia nelle parole di Renzi. Per carita’, la vita e’ sacra e ognuno deve vivere tranquillo e sereno a casa sua, ma, delle due l’una: c’e’ un rischio terrorismo islamico che ci stiamo coltivando in casa nostra perche’ questi matti arrivano dall’Inghilterra, dalla Francia, ci dicono che sono in Italia, ci dicono che c’e’ rischio che tra coloro che sbarcano si infiltrino queste persone. Nonostante questo non facciamo nulla: siamo gli unici ad avere un’operazione come Mare nostrum che causa morti piu’ che salvare vite e ha portato centomila persone in casa nostra di cui sappiamo poco e niente".

Parlando della Lega: "Non c’e’ nessun vitalizio a Bossi: la notizia non esiste, si e’ montato un caso su un litigio tra Salvini e Bossi, cosa che abbiamo subito smentito dopo un quarto d’ora. Io invidio a Renzi, ed e’ la cosa che mi fa piu’ paura di lui, la sua spregiudicatezza. Perche’ quando lui dice ‘Enrico, stai sereno’ e poi lo fa fuori il giorno dopo, ha una forza, un’astuzia, un pelo sullo stomaco che io non ho". "Io sono entrato in Lega grazie a Bossi, quindi non potrei mai dirgli ‘Umberto, stai sereno’ e poi fotterlo il giorno dopo, per me lui non e’ un peso ma un aiuto, e il fatto che la Lega sia tornata a correre non e’ solo merito mio, ma delle idee".