Immigrati, la Ue ci snobba. Renzi? Incompetente – di Leonardo Cecca

Credevo che Renzi fosse solo un venditore ambulante, ma mi sono sbagliato, in quanto oltre a cianciare a non finire si esibisce anche in trasformismo. A Ventimiglia è stato dimostrato anche ai più duri di comprendonio che il nostro esimio statista, unitamente ai suoi collaboratori, ha affrontato il fenomeno dell’immigrazione con la più spaventosa incompetenza infarcita di stolta supponenza e massimo senso di irresponsabilità.

Una vergogna su tutte, e che forse è ben più grave del magna magna che sul commercio di carne umana si è scatenato, è che, da incapaci, incompetenti e portati a fare di ogni erba un fascio, i nostri governanti non solo non sono riusciti ad identificare le persone arrivate, ma non hanno nemmeno distinto i profughi dagli immigrati.

Alcune hanno visto arrivare, senza alcun preavviso, pullman carichi di persone. Che i nostri governanti disconoscano cosa significhi organizzazione? Dopo questa chiara ed inequivocabile dimostrazione di deplorevole incapacità, cosa pretendono Renzi ed Alfano? Che la Francia si comporti come l’Italia? Mi sembra alquanto ridicolo e puerile.

Visto il diniego francese, Renzi con il suo complice in nefandezze, parla di pugno in faccia all’Ue e promette, se non ascoltato, di dar vita ad un piano B. A questo punto, tra una sghignazzata e l’altra viene da chiedersi: se non hanno capito in cosa consisteva il piano A, come faranno a metterne in campo uno sostitutivo, all’insegna del "famo noi"? Roba da circo equestre.

Dopo la tornata elettorale delle amministrative, Renzi ha deciso di dar vita ad una sua nuova versione, quella del "trasformista". Intervistato da La Stampa così si è espresso: "Queste elezioni dicono che con il Renzi 2 non si vince, devo tornare al Renzi 1” e, da perfetto democratico, ha aggiunto "basta con le primarie nel Pd". Vabbé, è passato da rottamatore a Renzi 1, poi a Renzi 2 per tornare ancora al Renzi 1. A questo punto è lecita una domanda: quando passerà a fare veramente lo spazzino per fare le pulizie promesse? Ne parla da tempo, ma, forse per impegni, non ha avuto ancora tempo di ripulire Roma dall’attuale amministrazione.