Hai uno smartphone Android? Occhio all’applicazione porno!

Un’applicazione per dispositivi Android, che promette di fornire video pornografici, in realta’ sequestra il telefono e chiede un riscatto da 500 dollari, non prima di aver scattato qualche foto all’utente. La app, scoperta dalla societa’ di sicurezza informatica Zscaler, si chiama ‘Adult Player’ e blocca il telefono rendendolo inutilizzabile. A quel punto mostra i selfie rubati all’utente in una schermata in cui chiede il riscatto.

La app, non disponibile sul negozio ufficiale di Google, inganna chi la scarica domandando il permesso di bloccare il telefono, permesso che a prima vista sembra uguale a quelli che molte app chiedono in fase di installazione.

Non si tratta della prima applicazione di questo tipo individuata dagli esperti. Nei mesi scorsi Zscaler aveva scoperto la app ‘Droid Porn’, che dopo aver bloccato il dispositivo dell’utente chiedeva un riscatto fingendosi l’Fbi. I malcapitati venivano informati di aver violato la legge per aver scaricato materiale pedopornografico ed erano invitati a pagare una multa di 500 dollari tramite PayPal.

Entrambe le applicazioni sono un tipo di ‘ransomware’, software usati dai cybercriminali per bloccare o cifrare i contenuti di computer e dispositivi mobili – di utenti privati cosi’ come di aziende o enti pubblici – in modo da poter chiedere un riscatto (‘ransom’ in inglese).