Gli italiani e il trading online: investimenti, mercati e metodi

Cos'è il trading finanziario online? E' la negoziazione, lo scambio, la vendita o l'acquisto di strumenti finanziari

In un paese con circa 5 milioni di poveri, dove trovare lavoro per molti è ancora difficile e i giovani che ne hanno la possibilità emigrano all’estero per costruirsi un futuro, sta emergendo prepotentemente che dà ad alcuni la possibilità di guadagnare un introito extra o addirittura costituisce un vero e proprio stipendio mensile. Stiamo parlando del trading online, e vediamo ora di cosa si tratta e come funziona.

Il trading online: definizione

Dunque, cos’è il trading finanziario online? Le scuole di trading danno varie definizioni, ma tutte concordano con la seguente: questa attività, come suggerisce il termine inglese, è la negoziazione, lo scambio, la vendita o l’acquisto di strumenti finanziari. Tali strumenti possono essere cash, come le azioni, le valute e le obbligazioni, oppure derivati, come nel caso dei contratti per differenza, i future, le opzioni e i contratti forward. Le operazioni di trading si effettuano direttamente da casa sul proprio computer, tablet o smartphone, collegandosi alla piattaforma di un broker.

I mercati del trading online

I mercati finanziari su cui fare trading sono numerosi. È possibile effettuare la compravendita di azioni di aziende italiane e internazionali, di cross valutari (le coppie di monete) o anche di materie prime come l’oro e lo zucchero. Attraverso i contratti per differenza si può guadagnare prevedendo l’andamento di diversi assett finanziari come gli indici di borsa, le criptovalute come il Bitcoin oppure i tassi d’interesse dei vari paesi. La scelta è talmente ampia che per un investitore alle prime armi è meglio concentrarsi su un solo settore per cominciare.

Le prospettive di guadagno

La scelta del prodotto, che chiameremo asset, assieme a quella del capitale investito e della strategia da utilizzare, potrà determinare il guadagno finale, che può partire da alcune centinaia di euro fino a raggiungere cifre millionarie. Per quanto riguarda il numero di italiani nel settore del trading online, al momento non esiste una cifra ufficiale, ma se si guarda la quantità di corsi e seminari programmati ogni anno il trend è certamente positivo come testimonia l’aumento del 23% registrato nel 2016 rispetto all’anno precedente.

Come muovere i primi passi nel trading online?

Fare trading online, per quanto semplice possa sembrare, è un’attività che richiede tempo, pazienza e una certa preparazione. Il primo passo è trovare una piattaforma di trading seria e autorizzata dalla Consob, su cui aprire un conto demo per verificarne il funzionamento e al tempo stesso iniziare a creare e testare le proprie strategie di trading. Un conto di questo genere replica il funzionamento del conto standard, con la possibilità di visualizzare grafici e valori degli asset, ma non richiede l’investimento di denaro per eseguire le operazioni di trading. Il mercato che viene considerato da molti come il migliore per cominciare è quello del Forex, dove si commerciano le fluttuazioni delle coppie valutarie.

In seguito bisognerà seguire le notizie di attualità generale e finanziaria, cercando di capire il possibile impatto che gli eventi a livello internazionale possono avere sugli asset d’interesse, per poi studiare le fluttuazioni del mercato e iniziare ad impostare la propria strategia. La formazione tramite seminari e corsi via internet renderà questo periodo di studio con il conto demo più rapido e semplice ed una volta acquistata una certa dimestichezza con mercati, piattaforme e strategie, sarete pronti per aprire un conto vero con un piccolo capitale d’investimento.