Formula 1, Massa a test Silverstone: ‘gomme sembrano migliori’

05.07.2013- Free Practice 1, Felipe Massa (BRA) Scuderia Ferrari F138

E’ calato il sipario sugli Young Driver Test di Silverstone, sede dell’appuntamento che quest’anno ha visto dieci dei team iscritti al Mondiale di Formula 1 alle prese con talenti piu’ e meno giovani. Per la Scuderia Ferrari staffetta fra Felipe Massa, tra i piloti titolari in azione sul tracciato britannico per un test delle nuove mescole Pirelli, e Davide Rigon, a disposizione dal 2011 della squadra di Maranello per l’attivita’ di sviluppo della vettura. 69 tornate all’attivo per il pilota brasiliano, autore del sesto miglior tempo della giornata (1’33"624), mentre Rigon, tornato nell’abitacolo della Rossa nella sessione pomeridiana, ha concluso il programma di misurazioni aerodinamiche iniziato mercoledi’ con il quinto riscontro cronometrico (1’33"592). "Queste gomme mi sembrano andare meglio, almeno rispetto a quello che si e’ visto qui in gara" sono state le parole di Massa al termine della sessione di prova. "In tre giorni nessuno ha avuto problemi e sotto il profilo della sicurezza questo e’ il segnale piu’ importante. Le Hard prototipali mi sono sembrate molto dure, forse non adatte alle gare. Penso che nei prossimi Gran Premi ci si potrebbe orientare verso la scelta di mescole piu’ morbide, perche’ riescono a sostenere temperature piu’ basse e durano piu’ a lungo. La temperatura e’ molto importante per la nostra macchina, qui per esempio in gara non ci ha aiutato ma vedremo cosa accadra’ in Ungheria, dove mi aspetto un clima piu’ caldo. Li’ serve molto carico aerodinamico e speriamo di trovare le soluzioni giuste per essere competitivi".

"Il bilancio di questi tre giorni e’ positivo, non ho commesso errori e ho imparato tanto" ha concluso Rigon a fine giornata. "Spero che tutto il lavoro fatto possa aver fornito alla squadra dati importanti, magari gia’ utilizzabili nella preparazione delle prossime gare. Anche oggi non abbiamo cercato il tempo, ne’ lavorato su grandi cambiamenti, piuttosto ci siamo concentrati sull’adattamento del set-up alle nuove gomme. Ora mettero’ questa esperienza a disposizione dei colleghi del simulatore: credo che questo test sia stato molto utile sia per il mio lavoro che per la mia crescita, anche se non lo considero un punto di arrivo perche’ al miglioramento non esistono limiti, ne’ per me ne’ per la macchina". Concluso lo Young Driver Test, la Scuderia si prepara al Gran Premio d’Ungheria, decima tappa del Campionato del Mondo di Formula 1, in programma nel prossimo fine settimana sul circuito dell’Hungaroring.