FARNESINA | Italiani all’estero e turismo di ritorno, intesa Enit-CGIE

Michele Schiavone, segretario generale del Consiglio generale degli italiani all'estero: "Sono 8 milioni i turisti di origine italiana che tornano in Italia per tantissime ragioni, dobbiamo invogliarli a tornare”

Seconda giornata di lavori del Comitato di presidenza del CGIE, riunito alla Farnesina fino a domani, mercoledì 19 febbraio.

La riunione è cominciata con la discussione sul DEF per il 2020 con proiezione triennale. Tra i temi anche i contributi e il sostegno ai Comites e la promozione della lingua e cultura italiana all’estero.

Nel pomeriggio, firmato il protocollo d’intesa Enit – CGIE alla presenza del presidente dell’Enit Giorgio Palmucci. L’accordo ha l’obiettivo di incrementare il turismo in Italia.

Michele Schiavone, segretario generale del Consiglio generale degli italiani all’estero, dopo aver siglato insieme al presidente dell’Enit Giorgio Palmucci il protocollo di intesa per incrementare il turismo in Italia, ha detto: “Sono 8 milioni i turisti di origine italiana che tornano in Italia per tantissime ragioni, dobbiamo invogliarli a tornare con proposte innovative che servano a tenere il rapporto con l’Italia per costruire ponti con il nostro Paese. È un rapporto che produce risorse e condiziona il Pil. Si stima che il 7-8% del Pil italiano sia prodotto da queste comunità”.

Domani, mercoledì 19 febbraio, si discuterà della preparazione della Conferenza Stato-Regioni-PA-CGIE e dello stato dei lavori della riforma della legge sulla cittadinanza.