Emigrati a Londra 40 anni fa, due fratelli italiani stroncati dal Covid

Giorgio e Antonio Casti sono stati stroncati dal Covid, morti a quindici giorni di distanza l’uno dall’altro, in un ospedale della capitale del Regno Unito. In UK oltre 60mila nuovi casi di Coronavirus nelle ultime 24 ore

L’Unione Sarda riporta oggi una triste notizia. Due fratelli italiani, di origine sarda, non sono riusciti a vincere la loro battaglia contro il coronavirus.

Giorgio e Antonio Casti sono stati stroncati dal Covid, morti a quindici giorni di distanza l’uno dall’altro, in un ospedale della capitale del Regno Unito.

I due connazionali erano emigrati in terra inglese ormai 40 anni fa. Giorgio aveva 65 anni, Antonio 61. Negli anni ’80 si erano trasferiti a Londra alla ricerca di un futuro migliore.

Erano sposati con due donne portoghesi: Antonio con Luisa, Giorgio con Lina. Avevano tre figli: Gianluca, Massimiliano e Silvia. Ad Assemini, la loro città d’origine, lasciano tre fratelli, Maria Pasqua, Paola, Gianni.

La situazione legata al Covid nel Regno Unito è a dir poco drastica. Nelle ultime 24 ore oltre 60mila nuovi contagi. Il Paese è in lockdown e lo sarà almeno fino a metà febbraio.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto oggi alla Camera dei comuni che la fine dell’ultima serrata in Inghilterra sara’ molto graduale, quando le regioni del Paese usciranno gradualmente dalle severe restrizioni imposte.

Johnson ha affermato di aver opposto resistenza all’idea di chiudere le scuole “fino all’ultimo momento”, ma e’ stato costretto a farlo. Le scuole, ha detto, saranno le prime ad aprire al termine della serrata. Esortando alla cautela su qualsiasi calendario per la riapertura del Paese, Johnson ha detto: “E come e’ avvenuto la scorsa primavera, la nostra uscita dalla serrata non sara’ un ‘big bang’ ma un graduale scartamento”.

La fine del tunnel è ancora lontana.