COVID | Baldassarre (Lega): “500 italiani bloccati in Brasile e nessuno fa niente”

“Di Maio e Speranza non pervenuti. Chi pagherà i danni? Danni economici, ma soprattutto umani. Restituiamoli alle loro famiglie”

Demonstrator hold a national flag marked with black crosses during a protest demanding President Jair Bolsonaro be impeached, in front of the National Congress in Brasilia, Brazil, Thursday, May 21, 2020. As Brazil careens toward a full-blown public health emergency and economic meltdown, opponents have filed a request for Bolsonaro's impeachment based on his mishandling of the new coronavirus pandemic. (AP Photo/Eraldo Peres)

“Da quando è stato dichiarato paese a rischio per la variante-Covid, 500 italiani sono esiliati in Brasile e nessuno fa niente. L’Italia li ha abbandonati al loro destino”. Lo dichiara in una nota Simona Baldassarre, medico ed europarlamentare della Lega.

“Che differenza rispetto alla Germania, alla Francia o al Portogallo – prosegue – che, anche in passato, si sono mossi più velocemente consentendo il ritorno a casa dei loro connazionali, con dei voli addirittura cofinanziati dalla Commissione per il rimpatrio dei cittadini Ue. La Germania ne ha richiesti 231, l’Italia solo 2. Vergogna!”.

“Il ministro Speranza ha firmato l’ordinanza che ha bloccato i voli dal Brasile. Mi chiedo cosa stia facendo ora, oltre a perder tempo prezioso per scrivere un libro mai uscito. Per non parlare di Di Maio: non pervenuto. Non c’è nessuna sua presa di posizione in merito. Se da una parte sono dimissionari come ministri, ricordo che da uomini delle istituzioni devono fare il loro dovere fino in fondo. Fino al varo del prossimo governo. Se i nostri connazionali, si ammalano in Brasile o perdono il lavoro, chi pagherà i danni? Danni economici, ma soprattutto umani. Restituiamoli alle loro famiglie”.