Contro il mal di schiena da postura errata bisogna tutelarsi

Tanti colori e materiali per sedie da ufficio ergonomiche

Si definisce postura la posizione del corpo umano nello spazio e ne esistono tre tipi e cioè in stazione eretta, da seduto, in decubito. A pesare sul corpo senza essere contrastata nelle posture da seduto e in decubito è la forza di gravità che si comporta come un peso che schiaccia verso il basso. Purtroppo, questa condizione è sempre più diffusa a causa delle recenti abitudini dovute al lavoro, allo studio ed alle attività di relax che ogni giorno si vivono. Questa errata abitudine alla sedentarietà sta portando ad un costante aumento dei casi di problemi alla colonna vertebrale ed al collo che sono costretti ad assumere una posizione innaturale e subiscono questo costante accasciarsi.

È pertanto consigliato scegliere un supporto che sia ergonomico e adattabile alle esigenze di ognuno che, come in tutti gli ambiti della vita, è sempre diverso dall’altro. In questo panorama che dimostra una crescente attenzione al benessere del corpo sta crescendo l’offerta relativa all’acquisto di una poltrona da ufficio, utile sia per lo svago e per lo studio. Ce ne sono di ogni stile e materiale passando per una tavolozza di colori molto varia.

L’utilizzo di diversi materiali come l’ecopelle oppure il tessuto, la pelle pieno fiore o il cuoio, si fonde con stili diversi dal genere racing a quello presidenziale, ma gli aspetti fondamentali di imbottitura della seduta e dello schienale e di regolabilità dello schienale in altezza e inclinazione sono sempre mantenuti nei diversi modelli.

Il design delle sedie e poltrone da ufficio è sempre nuovo e migliorato grazie al lavoro di designers che si avvalgono, oltre che delle conoscenze in ambito di design, anche della collaborazione di medici specializzati in ortopedia che aiutano a definire i criteri di un ambiente che risulti ergonomico.

Si tratta di aspetti fondamentali sia per i ragazzi ancora in età di formazione della colonna vertebrale, sia nel caso di uomini che, lavorando in posizione seduta per molte ore al giorno, vanno incontro al manifestarsi di dolori o patologie alla schiena. Queste spiacevoli sorprese possono quindi essere evitate senza dover intraprendere necessariamente percorsi di yoga o pilates che pur essendo assolutamente positivi per il benessere del corpo, non sono sempre possibili.

In un sondaggio effettuato dal Daily Mail su un campione di un migliaio di lavoratori inglesi tra i 25 e i 65 anni, 1 su quattro ha individuato la causa della propria lombalgia nella postura assunta sul posto di lavoro. Nello stesso sondaggio 1 intervistato su 6 ha incolpato la sedia ritenuta inadatta alle attività lavorative svolte. Dal sondaggio è emerso un altro importante dato e cioè che 1 soggetto su 7 una volta tornato a casa dal lavoro non dimostra interesse al proprio rapporto di coppia a causa dei dolori alla schiena. Il malcontento riguarda maggiormente le donne che lamentano dolori alla parte bassa della schiena ed alle ginocchia nel 40% dei casi.

Ma mentre nei casi più gravi di dolore cronico è necessario rivolgersi ad un medico specialista per valutare quale sia il percorso più valido da intraprendere, nel resto dei soggetti costretti ad una vita lavorativa sedentaria è opportuno valutare attentamente la scelta della sedia o poltrona da ufficio oltre ad adottare la sana abitudine di alzarsi e passeggiare un po’ durante le pause ed a fare movimenti di stretching del collo e della schiena.