COLPA DEL CALDO | Il termometro sale… la libido scende

Il 68% delle persone sposate litiga durante il caldo intenso. Oltre 3 coppie su 10 stanno dormendo in camere separate in questo periodo

Ondate di caldo e temperature ben al di sopra della media stanno caratterizzando l’inizio di questa stagione estiva. Sappiamo tutti quanto questo stia avendo un notevole impatto sulla vita di tutti i giorni, a cominciare dalla salute. Ma qual è l’influenza che il gran caldo produce nella vita di coppia? Gleeden, il sito leader degli incontri extraconiugali con oltre 5.5 milioni di membri, lo ha chiesto a oltre 8.000 iscritti*.

Il termometro sale… la libido scende!

In questo periodo di caldo eccessivo, le emozioni negative la fanno da padrone. Irascibilità (per il 76% degli intervistati), nervosismo (62%) e fatica (36%) sono i sentimenti più provati nei confronti del/la partner dagli infedeli di Gleeden quando il termometro raggiunge temperature così elevate. Non solo, il 42% degli intervistati dichiara di notare un calo importante della libido e di aver meno voglia di fare l’amore con il/la partner.

Nervosismo e fatica: un clima favorevole ai litigi di coppia!

Se l’umore di uno dei coniugi risente pesantemente degli effetti negativi di qesto clima torrido, che cosa succede all’interno della coppia? Oltre 6 persone sposate su 10 ritengono che il caldo eccessivo stia avendo un impatto negativo sulla relazione con il coniuge. Che si traduce con un aumento della frequenza dei litigi per il 68% degli intervistati da quando è iniziata questa ondata di caldo.

Oltre alle discussioni, questa canicola sta avendo un impatto considerevole anche sulla sessualità delle coppie sposate. Difatti, il 52% degli intervistati dichiara che la frequenza dei rapporti sessuali con il partner sia scesa vertiginosamente, così come il desiderio in generale.

La soluzione di molti sembra essere il dormire separati: oltre 3 persone sposate su 10 stanno dormendo in camere separate in questo periodo. Se le alte temperature rendono le persone più irascibili, il 32% degli intervistati preferisce evitare i problemi alla radice e limitare il contatto notturno con il/la partner.

E poi ci domandiamo perché l’estate sia la stagione peggiore per le coppie!