Cittadinanza e italiani all’estero, Borghese (MAIE): “Plauso e sostegno al lavoro del Consolato di Caracas”

"Come MAIE ci battiamo da sempre per migliorare i servizi consolari e perché sia più semplice rinnovare un passaporto o presentare una pratica di richiesta di cittadinanza. Bene quindi il lavoro del Console Generale Occhipinti”

On. Mario Borghese, vicepresidente MAIE

“Un grande plauso e massimo sostegno all’iniziativa del Consolato Generale d’Italia a Caracas per il suo impegno a favore di migliori servizi consolari. Soprattutto, apprezziamo gli sforzi che la sede consolare sta portando avanti – anche grazie a una intelligente comunicazione – per fare in modo di rendere disponibili più turni possibili per la richiesta di riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis ai discendenti dei nostri emigrati”. Lo dichiara in una nota l’On. Mario Borghese, vicepresidente MAIE, deputato eletto in Sud America.

“Come MAIE ci battiamo da sempre per migliorare i servizi consolari e perché sia più semplice rinnovare un passaporto o presentare una pratica di richiesta di cittadinanza. Bene quindi il Console Generale Nicola Occhipinti – conclude Borghese – che è stato voluto nella capitale venezuelana dall’allora Sottosegretario agli Esteri Sen. Ricardo Merlo, presidente del Movimento Associativo Italiani all’Estero, proprio per risolvere le tante problematiche di cui soffriva – e purtroppo in parte soffre ancora – quella sede. Questo dimostra che, malgrado tutti i problemi e le mancanze di cui soffre un Consolato come quello di Caracas, i nostri diplomatici – quando si impegnano in questo modo – hanno la capacità di superare anche le disastrose politiche per gli italiani all’estero portate avanti dall’attuale governo”.