Caldo, a Roma malori e colpi di sole: più ambulanze a disposizione (VIDEO)

Come promesso dalle previsioni meteorologiche, la morsa del caldo afoso e’ arrivata anche nella Capitale. A farne e spese, con malori e colpi di sole, i malati cronici ma anche i turisti che affollano la citta’ in questo ultimo e rovente fine settimana di luglio. Ed e’ per questo che il 118 ha rafforzato il servizio in due zone di Roma, Ostia e il centro. Per testimoniare il suo apprezzamento all’operato del 118, il sindaco Ignazio Marino ha visitato un punto assistenza nel quartiere San Basilio allestito per l’emergenza caldo. ”In queste ultime ore in cui le temperature si solo alzate notevolmente, provocando malori principalmente per disidratazione e colpi di sole, il servizio dell’Ares 118 e’ stato rafforzato nelle due zone dove la richiesta d’intervento e’ aumentata sensibilmente”, dice il direttore della Centrale Operativa dell’Ares 118 di Roma, Livio De Angelis.

A Ostia, il litorale della capitale dove la popolazione triplica nel periodo estivo, sono state attivate tre ambulanze in piu’, rispetto alle tre gia’ presenti, e un’auto medica per le emergenze. L’altra zona sensibile, per il costante afflusso di turisti, e’ il centro storico: qui alle sette ambulanze presenti ne sono state aggiunte tre. Le chiamate alla centrale operativa sono aumentate del 25%: si tratta di anziani, malati ma anche turisti che dopo camminate sotto il sole e nelle ore piu’ calde lamentano malori collegati alla disidratazione. ”La maggior parte delle chiamate – spiega De Angelis – viene risolta dagli operatori sanitari della centrale con consigli telefonici. Solo un 10% di esse genera un intervento territoriale”.

A chiamare sono soprattutto anziani e portatori di patologie croniche cardiovascolari, respiratorie e diabetiche. ”Tali pazienti vedono la loro patologia cronica scompensarsi a causa della temperatura elevata ma soprattutto a causa dell’elevato tasso di umidita’. Sarebbe importante una prevenzione consistente nell’idratazione e nel sentire il proprio medico curante per eventuali aggiustamenti della terapia in atto”, aggiunge De Angelis.

Il sindaco Marino ha scelto di visitare il punto assistenza emergenza caldo di San Basilio, lo stesso da dove parti’ l’ambulanza con gli operatori aggrediti qualche settimana fa da un gruppo di persone durante un soccorso. Dopo aver sottolineato che la passata amministrazione ”ha curato poco” gli aspetti sanitari, e questo comporta ”carenza di assistenza”, Marino ha ringraziato gli operatori sanitari ”che si sottopongono anche a turni prolungati in modo da sopperire alla carenza di personale”. Poi ha polemizzato: ”In un paese come il nostro una riflessione sull’acquisto degli F35 o sull’investire di piu’ nella sanita’ pubblica a livello di strategia nazionale, va fatta. E a me interessa moltissimo perche’ il sindaco e’ il garante della salute dei cittadini”. Da giovedi’ inoltre, la Regione ha allertato i medici di famiglia per interventi mirati alle categorie a rischio, ed e’ di oggi la notizia che i medici della cooperativa sociale Romamed di Piazza Istria lavoreranno a luglio e agosto, rimanendo aperti anche nei fine settimana, dalle 8 alle 20.