Berlusconi, quanti rosiconi a sinistra! – di Leonardo Cecca

Italy's former Prime Minister Silvio Berlusconi appears as a guest on the RAI television show Porta a Porta (Door to Door) in Rome January 9, 2013. REUTERS/Remo Casilli

Nel processo Ruby la Corte d’Appello di Milano ha assolto Berlusconi per i due reati per i quali era imputato con le seguenti formule: il reato non sussiste e il fatto con costituisce reato. Formule che avrebbero fatto stramazzare un elefante, ma gran parte della sinistra, ovviamente quella "akkulturata e chic", ivi compresi alcuni giornalisti spudoratamente schierati, ha fatto solo la faccia stralunata per la mazzata ricevuta in testa ed ha esternato ridicole argomentazioni con le quali si potrebbe fare un libro intitolato "Le puttanate dei trombati".

C’è chi ha sapientemente fatto presente che c’è ancora un grado di giudizio, chi ha parlato di aiuti a Berlusconi, forse paventando oltre al mercato dei senatori anche quello dei giudici, chi ha parlato di clamoroso errore da parte della Corte d’Appello, chi ha detto che non è convinto…

Intendiamoci, tutta gente di gran pregio, però di quel pregio che sa di muffa e spudorato odio verso chi non si riesce a sconfiggere lealmente perché superiore.

Costoro sono ovviamente coloro che giorni or sono hanno santificato il "condannato" Errani, per intenderci quel personaggio che rideva insieme a Pecoraro Scanio durante i funerali di stato dei caduti di Nassirya, poichè aveva espresso la volontà di dimettersi da Presidente di Regione. Naturalmente ci sono stati anche altri, come alcuni magistrati, che, pur dichiarandosi di sinistra, hanno parlato di un processo orchestrato ad arte che non si doveva neppure fare perché le accuse erano tutta muffa.

Conclusione: la sinistra, quella peggiore, continua spudoratamente a ragionare in un certo modo, in quanto per lei il tempo si è fermato al periodo di Stalin, dimostrando con ciò pochezza mentale, non all’altezza di un paese democratico e civile. Oltre all’enorme danno in denaro, ai disagi dei condannati per queste incriminazioni, qualcuno si è mai chiesto dello "sputtanamento" del nostro paese a livello mondiale? Qualcuno pagherà per questo oppure dovremo continuare ad elargire certi stipendi?