La nave Aquarius, carica di immigrati, andrà in Spagna. Salvini, “primo segnale di cambiamento” [VIDEO]

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Vogliamo porre fine a questo traffico di esseri umani. E dunque come abbiamo sollevato problema per Aquarius lo faremo per tutte le altre navi"

Il governo spagnolo ha deciso di accogliere la nave Aquarius, che dunque farà rotta verso la Spagna. “Se il premier Sanchez è contento così non posso che ringraziarlo”, commenta Matteo Salvini durante una conferenza stampa in via Bellerio, “spero che la sua disponibilità sia tale anche per i successivi interventi”.

“Nelle ultime ore – spiega il ministro dell’Interno – avevamo, e giustamente, su mia iniziativa, dato la disponibilita’ alla nave Aquarius di trasbordare uomini e donne che erano a bordo, e questo lo dico a tutti i fenomeni che da ieri mi accusano di cattivismo, di razzismo, di fascismo: il nostro obiettivo e’ continuare a salvare vite umane facendolo prima della partenza in Mediterraneo. La Aquarius, per altro non aveva risposto, alla faccia di emergenze in corso che non erano tali, alla nostra nostra disponibilita’ di prendere donne incinte e bambini, ma il problema si e’ risolto grazie a buon cuore Spagna”.

Dunque “lasciatemi esprimere grande soddisfazione da vice premier, come ministro e come papà per come si va risolvendo” la questione dei migranti presenti su Aquarius, “questo ennesimo barcone, ennesimi soldi che escono dalle nostre tasche”. Salvini parla di un “primo segnale” per un’Italia che sul fronte dell’accoglienza “non può fare da sola”.

“Vorrei averne decine di schiaffi così”. In questo modo il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva se la decisione della Spagna di accogliere nave Aquarius non fosse uno schiaffo all’Italia. “Anzi, se il governo francese, inglese, greco, cipriota o finlandese volessero aiutarci, sono pronto a farmi prendere a schiaffi dalla mattina alla sera”. “Mi piacerebbe che Malta si assumesse le sue responsabilita’, che la Francia e la Gran Bretagna fossero coinvolte, vorrei che tutti si sentissero un po’ Italia”.

Parlando ancora dei migranti, “il fatto che Malta se ne freghi è inaccettabile”. E poi, ancora sul tema immigrazione: “Non escludo un mio viaggio in Libia, cominciamo ad affrontare un problema che per anni è restato nascosto sotto il tappeto”.

“Vogliamo porre fine a questo traffico di esseri umani. E dunque come abbiamo sollevato problema per Aquarius lo faremo per tutte le altre navi”.

foto: LaPresse

“Mi risulta che una nave di una Ong olandese si trovi a 28 miglia dalla Libia in attesa del suo ricco carico di esseri umani. Noi continueremo con la linea del buonsenso e della condivisione”. “Nostro obiettivo è proteggere le frontiere esterne dell’Europa”, sull’Aquarius “non c’era nessun problema sanitario a bordo”. “Se ci saranno altre navi di altre Ong battente bandiera straniera faremo lo stesso ragionamento”.

“TOTALE COLLABORAZIONE CON 5STELLE”

Parlando di temi più politici, Salvini assicura che con i 5stelle esiste “totale collaborazione”. “Non c’è nessun apparentamento ufficiale con il Movimento Cinquestelle” e “non è vero che il governo è a trazione leghista, in questi giorni assoluta e totale collaborazione con i ministri dei Cinquestelle”.

A proposito delle nomine di sottogoverno: “Spero che in questa settimana il governo sarà al completo con viceministri e sottosegretari”.